Giovanni Donzelli
Giovanni Donzelli

Grosseto, 4 aprile 2018 - Visite odontoiatriche gratuite per i richiedenti asilo. Accadrà fra due giorni a Grosseto dove partirà un percorso pilota di odontoiatria sociale rivolto alle comunità ospitate nei centri di accoglienza cittadini. Lo rende noto con un comunicato l'Azienda sanitaria locale Toscana Sud Est. Il progetto, spiega l'Asl, si occupa prevalentemente di prevenzione e cura dell'igiene orale attraverso una valutazione odontoiatrica sullo stato di salute dei richiedenti asilo. Nella nota viene sottolineato che le comunità di migranti sono composte prevalentemente da giovani in buona salute, ma che sempre più spesso presentano problemi odontoiatrici sia a causa di un'alimentazione non corretta, sia per mancanza nel loro paese di origine di attenzione alla cura di bocca e denti e scarsa prevenzione.

L'obiettivo del progetto è individuare in tempo utile le patologie odontoiatriche per poter indirizzare tempestivamente i pazienti alla programmazione ambulatoriale, evitando che le patologie si aggravino fino al punto di necessitare un accesso in urgenza al pronto soccorso. Il progetto dell'Asl Toscana Sud Est è nato su impulso della Regione Toscana che ha destinato 2 milioni a un progetto più ampio a livello di area vasta sulla medicina di iniziativa.

LA POLEMICA -  "Chiediamo che la Regione Toscana faccia chiarezza sull'utilizzo da parte della Asl Toscana sud est di denaro pubblico per la salute odontoiatrica dei richiedenti asilo ospiti nei centri di accoglienza di Grosseto. Non si possono usare i soldi dei contribuenti toscani per gli immigrati prima di aver fatto fronte all'emergenza sanitaria e sociale causata dai pesanti tagli operati dalla sinistra", attaccano, in una nota, gli esponenti di Fratelli d'Italia, Giovanni Donzelli, consigliere regionale uscente e neoparlamentare, e Paolo Marcheschi, prossimo capogruppo nell'Assemblea toscana, annunciando un'interrogazione in merito.

"Le cooperative che accolgono gli immigrati guadagnano ogni giorno una cifra di almeno 35 euro al giorno per ogni persona - sottolineano Donzelli e Marcheschi - e non si capisce il motivo per il quale la Asl debba stanziare ulteriori risorse per far fronte alle loro esigenze". Per Donzelli e Marcheschi, "quello degli immigrati, come più volte denunciato da Fratelli d''Italia, è un business senza fine contro il quale continueremo a batterci senza sosta: le istituzioni pensino ad aiutare le tante famiglie italiane costrette a vivere in condizioni di indigenza".