Anziani truffati, in manette la coppia dei finti avvocato-carabiniere

Hanno portato via 35mila euro di monili in oro a due anziani ma sono stati incastrati dalla polizia

L'intervento della polizia (foto d'archivio)

L'intervento della polizia (foto d'archivio)

Firenze, 28 settembre 2023 - Il finto carabiniere e il finto avvocato avrebbero messo a segno l'ennesima truffa ai danni di una coppia di anziani che vive in centro se non fosse stato per l'intervento della polizia che ieri ha recuperato oltre 35mila euro di monili in oro.

Secondo quanto ricostruito dai falchi della squadra mobile della Questura di Firenze, la disavventura delle vittime avrebbe avuto inizio intorno alle 14 quando sul telefono fisso della loro abitazione sarebbe arrivata una strana telefonata da parte di un fantomatico carabiniere. Quest’ultimo avrebbe informato l’anziana donna che il figlio era finito in guai seri per aver causato un incidente stradale nel quale era rimasto coinvolto un altro ragazzo gravemente ferito. Per rendere ancora più credibile la storia, il presunto militare si sarebbe poi fatto passare il marito della signora facendo contattare quest’ultima da un suo “collega” sul telefono cellulare.

Quest’ultimo avrebbe suggerito alla donna di raggiungere il più velocemente possibile la stazione dei carabinieri in viale dei Mille, offrendosi di aiutarla con le indicazione stradali rimanendo costantemente al telefono. A questo punto la signora avrebbe intuito che qualcosa non andava. Secondo quanto emerso, infatti, proprio in quei minuti in cui si sarebbe assentata da casa, un fantomatico avvocato avrebbe raggiunto il marito avvisandolo di essere “l’incaricato al ritiro dei gioielli” per pagare una multa che avrebbe salvato il figlio dalla prigione. Quest ultimo, comprensibilmente spaventato, avrebbe infatti consegnato al presunto legale tutti i gioielli che custodiva in casa.

Sceso dal palazzo l’uomo avrebbe poi velocemente raggiunto la macchina di un presunto complice parcheggiata a pochi metri di distanza dall’abitazione. I falchi della squadra mobile, che pattugliavano già la zona, hanno immediatamente fermato l’automobile trovando i due uomini con le “mani nel sacco”. I due malintenzionati, infatti, cittadini italiani di 24 e 51 anni erano intenti a rovistare e fotografare il bottino appena sottratto alle vittime. Bracciali, collane, anelli, orecchini, orologi e molti altri monili per un valore totale di oltre 35mila euro restituiti alle vittime. I due uomini, già noti alle forze di polizia, sono finiti in manette con l’accusa di truffa aggravata in concorso.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro