Il giovane viola Terzic (Germogli)
Il giovane viola Terzic (Germogli)

Firenze, 20 novembre 2019 Disavventura per il difensore della Fiorentina, Aleksa Terzic ieri sera a Belgrado. Il  giocatore ha subito un'aggressione ed è stato rapinato dell'automobile a Belgrado. I media hanno immediatamente parlato di aggressione e tentato rapimento, mentre la Fiorentina, sin da stamattina diffiondeva la versione che il giocatore avrebbe subito la rapina dell'auto. Per l'episodio la polizia di Belgrado ha arrestato tre persone, due donne ed un uomo - e ritrovato l'auto del giocatore viola.
Per Aleksa Terzic, terzino destro di 20 anni approdato in viola in estate dalla Stella Rossa sono stati momenti di grande paura. Secondo l'edizione online del quotidiano Vecernje Novosti tutto  sarebbe avvenuto la notte scorsa mentre il giocatore stava rientrando con la sua Bmw con targa italiana nella capitale serba dopo la gara persa dall'Under 21 del suo Paese a Nis per 2-0 contro la Russia. Nella gara il giocatore viola era subentrato nella ripresa.

Lungo l'autostrada, poco prima di arrivare a Belgrado, Terzic sarebbe stato affiancato da un'Audi 6 con all'interno due uomini e una donna che gli avrebbero chiesto di rallentare e aprire il  finestrino (cosa che Terzic avrebbe fatto) intimandogli di fermarsi e dar loro 5000 euro. Il difensore, respinta la richiesta, avrebbe raggiunto la capitale e nei pressi del quartiere residenziale di Novi Beograd avrebbe tamponato un taxi. Costretto a fermarsi i malviventi lo avrebbero costretto a scendere dalla sua Bmw tentando di nasconderlo nel bagagliaio della loro auto, ma Terzic avrebbe reagito riuscendo a sfuggire agli aggressori pur riportando, nello scontro, la frattura del setto nasale, un trauma ad un braccio e ematomi vari al capo e
al viso
secondo il referto dell'ospedale di Zemun dove è stato trasportato il giocatore.
La Fiorentina, immediatamente messasi contatto con Terzic, ha ribadito che si è trattato della sottrazione dell'auto e ha confermato l'aggressione e la frattura del naso provocata da un pugno subito dal difensore atteso a Firenze domani dopo aver espletato tutte le formalità di rito.