Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
19 giu 2022

Temperature record, e non è finita "I trenta giorni più caldi di sempre"

Non è ancora iniziata l’estate ma il clima tiene già sotto scacco la città, e la pioggia è solo un ricordo. Tei (Lamma): "Abbiamo superato gli anni più torrenziali, e nei prossimi giorni saliranno ancora i gradi"

19 giu 2022

di Iacopo Nathan

Ventagli, nebulizzatori, caccia ad una porzione d’ombra, locali all’aperto, condizionatori e chi più ne ha più ne metta. Il problema è sempre lo stesso, con l’avvicinarsi della stagione estiva, il clima fiorentino diventa sempre più bollente, e non resta che provarle proprio tutte per provare a boccheggiare un po’ meno. La cosa che maggiormente allerta i fiorentini, però, è il fatto che non sia realmente ancora arrivata l’estate, che inizia con il suo solstizio il 21 di giugno. E se ormai luglio e agosto sono dei bollini rossi assicurati, erano anni che non si viveva un giugno così bollente, o forse non si era proprio mai vissuto, come conferma Claudio Tei, metereologo del consorzio Lamma.

Tei, si avvicina l’estate e stanno salendo molto le temperature, cosa dobbiamo aspettarci?

"A livello metereologico l’estate inizia il primo di giugno, a livello astrologico il 21, ma cambia poco, questo caldo è assolutamente eccezionale. A differenza del passato, stavolta è partito molto prima del solito, visto che già a maggio si registravano temperature tipiche di luglio e agosto. In tutto questo, Firenze ha registrato un piccolo record in negativo".

Che genere di record?

"Prendedo in esame il periodo che va dal 15 maggio al 15 giugno, si vedono delle cose assolutamente straordinare. Possiamo affermare che per il periodo indicato è l’anno più caldo di sempre, peggio anche de 2003 che è solitamente preso come esempio in negativo. Da precedenti studi svolti prendendo ad esame lo stesso periodo (1505-1506 ndr), dal 1990 al 2020 i giorni con più di 30 gradi sono stati in media 7 all’anno. Per capire quanto quest’anno sia fuori da ogni precedente schema, ce ne sono stati 22. Se torniamo indietro, dal 1960 al 1990 era 4 la media annua. Stiamo parlando di una situazione senza precedenti".

E il dato delle piogge ?

"Purtroppo anche quello è sicuramente inquietante, siamo davvero ai minimi. I dati vanno dall’1 gennaio al 15 giugno, e sono negativi, ha piovuto veramente poco".

C’è una spiegazione legata a queste temperature esagerate?

"Trovare una soluzione sola è molto difficile, certamente è un insieme di cose. La causa non è univoca, ma è ormai innegabile il cambio climatico, che sta producendo lo scioglimento dei ghiacciai e favorisce la circolazione di anticicloni africani".

Cosa ci dobbiamo aspettare dai prossimi giorni?

"L’anticiclone africano che ha portato caldo fino ad ora continuerà almeno fino a giovedì. Forse potebbero anche esserci uno o due gradi in più. Per i prossimi due giorni però dovrebbe essere più secco, per poi essere colpito da dei venti del sud. Gioved’ o venerdì potremmo essere toccati da una perturabazione da ovest, che non dovrebbe portare pioggia, ma comuneque muovere l’aria".

Rivivremo a Firenze un’estate da oltre 40 gradi come fu la scorsa?

"Difficile dirlo con certezza, ma non è da escludere un estate da caldo record a Firenze. Ancora non sappiamo come sarà con precisione, ma partiamo da una situazione di temperatura già molto sopra la media, e per come è cominciata l’estate può essere davvero una delle più calde di sempre. Prevediamo che la temperatura sarà stabilmente sopra la media, perchè ormai la tendenza è quella e non sarà facile sovvertirla, viste anche le scarse perturbazioni in arrivo nelle prossime settimane"

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?