np_user_4025247_000000
ANDREA SETTEFONTI
Cronaca

Piccoli e già vandali La rabbia dei sindaci

Notevoli i danni ai giochi nei giardini di Sambuca, San Casciano e Greve, in gran parte da poco rinnovati con i soldi pubblici

Piccoli e già vandali La rabbia dei sindaci
Piccoli e già vandali La rabbia dei sindaci

di Andrea Settefonti

Una forma di inciviltà accomuna i giardini del Chianti. A Greve in Chianti, San Casciano e Barberino Tavarnelle, mani diverse ma solita stupidità hanno distrutto i giochi e le panchine dei parchi pubblici. Alcune delle aree più frequentate dalle famiglie sono state prese di mira da una o più persone, responsabili di atti incivili, che hanno danneggiato alcune attrezzature nel giardino di Sant’Anna a Greve in Chianti, appena acquistate e fresche di installazione, in piazza della Repubblica a San Casciano e nell’area verde di Sambuca dove anche in questo caso i nuovi giochi erano stati da poco installati.

"Chi non ha a cuore il proprio territorio e il luogo in cui vive – dichiarano i sindaci Paolo Sottani, Roberto Ciappi e David Baroncelli - rinnega se stesso, le proprie radici, gli spazi in cui è cresciuto e che sta condividendo a vari livelli con la propria comunità".

In particolare al Piazzone di San Casciano sono stati sradicati cestini e danneggiati alcuni giochi, a Greve in Chianti è stato rotto il cesto altalena, riservata ai bambini più piccoli, e spaccate le stecche che sostengono la scaletta del gioco a forma di castello. Preso di mira anche il giardino dell’Armonia in viale Rosa libri dove è stata rotta una panchina in cotto. A Sambuca è stato scorticato il tavolo all’interno della casetta collocata lungo i giardini di via Giovanni XXIII. Le attrezzature ludiche in alcuni casi hanno poche settimane di vita e nascono come frutto dell’investimento delle amministrazioni a favore della riqualificazione del tessuto urbano e delle aree a verde pubblico. I Comuni si sono già adoperati in alcuni casi a sostituire i giochi e in altri a ripristinarli, spendendo alcune centinaia di euro.

"Stiamo intensificando i controlli con il supporto dei vigili della Polizia locale – concludono i sindaci - e abbiamo messo in atto attività di prevenzione di cui stiamo valutando gli strumenti più opportuni in collaborazione con le associazioni locali. Intendiamo sensibilizzare al rispetto degli spazi pubblici: è fondamentale trasmettere il valore del rispetto e la cura collettiva dei beni comuni".