Quotidiano Nazionale logo
11 mag 2022

Movida, basta con la retorica generazionale

leonardo
Cronaca

Leonardo

Margarito

Ed ecco, come un fulmine a ciel sereno, ripiombare il "problema Santo Spirito" e la sua "mala-movida" come amano erroneamente definirla oggi. La festa popolare del 25 aprile ha riacceso un dibattito che si era quasi assopito con i vari interventi messi in campo, nella scorsa stagione, dall’amministrazione comunale. Cancellate, inferriate e chiusure forzate: sono queste le parole chiave di chi, sentendosi rappresentante dell’intero rione, vuole trovare una soluzione ad un evidente problema che però ha bisogno di essere – come sempre – circoscritto, analizzato e studiato approfonditamente. Nel 2022 delimitare il sagrato della Basilica di Santo Spirto come paventato ed ipotetico deterrente alla movida, sembra essere in netta contraddizione con i principi di dialogo, apertura al confronto e garanzia di sicurezza di cui continuamente ci ergiamo portatori. Inoltre il problema forse più grave è il continuo generalizzare i concetti; basta parlare dei giovani additandoli come "brutti e cattivi", perché questa retorica generazionale è indubbiamente anacronistica e non risolve alcun problema, ma lo acuisce. Io ho 20 anni e non mi rispecchio nel quadro che viene dipinto. In più è inutile negare che il covid, nonostante oggi stia diventando normalità, ha creato un vulnus importante nella nostra generazione a livello educativo, sociale, culturale. Lì si dovrà lavorare. Sarebbe bello che il sagrato diventasse occasione di confronto, luogo di socialità come avvenuto la scorsa estate con tanti concerti ed iniziative a servizio delle persone. Santo Spirito ha bisogno di respirare, di vivere e convivere con i residenti che, come me, amano questa parte straordinaria di Firenze. Nel bel mezzo di una guerra nel cuore dell’Europa non possiamo sventolare il vessillo della pace e dell’unione fraterna, se poi siamo i primi a mettere muri credendo di risolvere qualcosa. Bisogna semplicemente ascoltarsi di più.

* vicepresidente associazione FuoriScena

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?