Lame, terra di confine abbandonata: "Strade pericolose e servizi assenti"

La zona è tra i Comuni di Barberino e Poggibonsi. La polemica: "Troppe buche. e non ci sono marciapiedi".

Lame, terra di confine abbandonata: "Strade pericolose e servizi assenti"

Tante le buche che si vedono sul manto stradale, e troppo il traffico

Terra di confine, terra di nessuno... Protestano gli abitanti della zona Lame, lembo di terra a cavallo tra i Comuni di Barberino Tavarnelle e Poggibonsi e tra le provincie di Firenze e Siena, che ha visto crescere il passaggio di auto e l’impatto dell’uomo, e di conseguenza i disagi. Nell’area sono spuntati un distributore di metano, una gastronomia e poi di recente un McDonald’s. Senza contare la presenza a pochi metri del supermercato Pam e di altre catene di distruzione, oltre che realtà artigianali e di accoglienza.

E gli abitanti della zona Lame, 35 famiglie, si lamentano per percorsi dissestati, marciapiedi assenti o poco praticabili, sporcizia, disagi nella viabilità. "La manutenzione è di fatto assente – spiegano i residenti – forse anche per ragioni di competenze territoriali non del tutto chiare". E ancora: "Anche il servizio di raccolta dei rifiuti è diviso tra due amministrazioni limitrofe, e noi ci ritroviamo in mezzo, in una sorta di terra di nessuno".

Una realtà così difficile che quando c’è più traffico, "anche il semplice atto di salire in macchina per tornare a casa diviene molto complicato – continuano. E poi non c’è un passaggio pedonale che permetta attraversamenti in sicurezza. Ma il disagio principale è dovuto agli avvallamenti sul manto stradale, buche che finiscono per impedire ai conducenti di viaggiare senza andare incontro a rischi".

Andrea Settefonti

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro