DUCCIO MOSCHELLA
Cronaca

Il saluto di Betori. Lacrime e applausi citando Luzi e La Pira: "Chiesa nella città"

Davanti a duemila fedeli, la solenne concelebrazione di commiato. Tre segni per fare sintesi su un episcopato di quasi sedici anni. Il Duomo spazio che accoglie, la bandiera del popolo e la cattedra.

Il saluto di Betori. Lacrime e applausi citando Luzi e La Pira: "Chiesa nella città"

Il saluto di Betori. Lacrime e applausi citando Luzi e La Pira: "Chiesa nella città"

Lacrime e applausi. Alla fine, nel ricordare i due fratelli che non ci sono più, il cardinale Giuseppe Betori ha ceduto alla commozione, vera, profonda, nella sua messa di saluto a Firenze. Dopo quasi sedici anni e una liturgia di due ore, la forza di mostrare debolezza ha rimosso gli ultimi dubbi che il vescovo Giuseppe non sia poi il rigido esponente della Chiesa di Ruini, come qualcuno si ostina ancora a considerarlo, ma un pastore fra la gente, un popolo, se non dalla dura cervice come quello eletto, sicuramente non facile, che nel 2008 gli è stato affidato da Benedetto XVI. Anni nei quali "alla fragilità che accompagna sempre la vita della Chiesa, si sono aggiunte le debolezze della mia persona, di cui oggi sono qui a chiedere perdono, per non essere stato all’altezza della storia di questa città, soprattutto delle vostre attese. So che mi volete bene, come io lo voglio a voi, e che, indulgenti, non mi negherete la vostra comprensione".

Davanti ad almeno duemila persone, il cardinale venuto da Foligno ha ringraziato e salutato un’intera comunità, concelebrando la solenne liturgia insieme al suo successore don Gherardo, ai vescovi fiorentini, il cardinale Gualtiero Bassetti, i monsignori Giovanni Roncari, Stefano Manetti, Giovanni Paccosi e Claudio Maniago, e quasi tutti i sacerdoti diocesani, primo fra tutti il cardinale Ernest Simoni. Nell’omelia Betori ha evidenziato alcuni punti del suo episcopato, sottolineando le caratteristiche della cattedrale e dello spazio che occupa nella fisionomia della città: "Ho cercato di far mio fino in fondo questo essere Chiesa immersa nella città, pronta a entrare nei suoi spazi, in dialogo con tutto ciò che edifica la comunità degli uomini".

Citando i poeti Mario Luzi e Davide Rondoni, oltre al Sindaco Santo Giorgio La Pira, il cardinale ha parlato della cattedra su cui siede il vescovo di Firenze: "Quel che in questi anni ho cercato di indicare, non sempre riuscendoci, mi sembra che lo dica da sé questa sede: misura, equilibrio, armonia, riposo, bellezza, contemplazione e pace sono l’identità profonda, oltre le fattezze immediate, istintive, anche polemiche e aggressive, di questa città e quindi della Chiesa fiorentina, sintesi di tensioni composte".

Il suo argomentare ha toccato tre segni. Detto della cattedra e della magnificenza del Duomo, è stata menzionata la bandiera diocesana: "È sì il vessillo del Risorto, ma è anche l’insegna del popolo. Mi ha sempre commosso e chiamato a responsabilità percorrere passi segnati insieme da Cristo e dal popolo, rafforzando in me la convinzione che le strade di Dio non sono diverse dalle strade degli uomini, quando questi percorrono le strade sicure che li edificano nella verità. In questi anni - ha proseguito - non ho cercato di proporre una mia strada, ma ho cercato di cogliere le strade di Dio nel cammino del popolo. Questa è la linea tracciata dal nostro stendardo: stare in mezzo al popolo, non staccarsi mai da esso, anche a costo di qualche rallentamento, ma curando di tenere salda la trama del tessuto ecclesiale, evitando strappi in avanti, che possono suscitare qualche plauso ma che inesorabilmente generano anche ferite". Una linea che vale come consiglio al suo successore don Gherardo, che durante l’omelia non ha mai staccato gli occhi di dosso dal suo predecessore.