Quotidiano Nazionale logo
6 mag 2022

I legali dei familiari contro Moretti ed Elia "Disastro evitabile con una velocità ridotta"

Hanno lavorato in equipe sottolineando che i dirigenti Fs fossero a conoscenza dei rischi connessi al trasporto di merci pericolose

Il presidio dei familiari delle vittime davanti al palazzo di giustizia di Firenze dove è in corso il processo di appello bis sulla strage del 29 giugno 2009
Il presidio dei familiari delle vittime davanti al palazzo di giustizia di Firenze dove è in corso il processo di appello bis sulla strage del 29 giugno 2009
Il presidio dei familiari delle vittime davanti al palazzo di giustizia di Firenze dove è in corso il processo di appello bis sulla strage del 29 giugno 2009

Moretti ed Elia devono essere condannati anche per non aver ridotto per tempo la velocità del treno merci della morte. E’ questa la conclusione cui sono giunti gli avvocati di parte civile che ieri, a tutto campo, hanno preso la parola al processo d’Appello bis in corso di svolgimento al Palazzo di giustizia di Firenze. Secondo i legali dei familiari delle vittime proprio Mauro Moretti e Michele Elia, nelle loro vesti di amministratori della holding Ferrovie dello Stato (Moretti) e di Rfi (sia Moretti che Elia) avevano il potere decisionale per imporRe velocità ridotte ai treni merci che trasportavano merci pericolose in transito nelle stazioni ferroviarie. Sulla questione della velocità hanno lavorato in equipe gli avvocati Enrico Marzaduri, Massimo Cerasa castaldo, Riccardo Carloni, Gabriele Dalle Luche, Filippo Antonini. L’avvocato Riccardo Carloni ha mostrato un’immagine della stazione di Viareggio sostenendo che "con una velocità ridotta a 60 kmh il convoglio sarebbe transitato a raso e nonostante la rottura si sarebbe fermato prima e non ci sarebbe stato il ribaltamento del vagone merci ferro-cisterna col gas Gpl", la cui struttura metallica venne aperta da un elemento a terra detto ‘a zampa di lepre’ che fa necessariamente parte dell’infrastruttura ferroviaria posta lungo i binari. "La riduzione della velocità porta alla riduzione dell’energia cinetica, abbassare la velocità quindi rendeva possibile evitare il ribaltamento – ha detto Carloni, accusando pure le Fs – di processi aziendali immobili ed eterni" prima di prendere le decisioni utili a evitare i rischi. Per un altro legale di parte civile, avvocato Filippo Antonini, "la riduzione della velocità è misura preventiva, abbassa il rischio, è facilmente attuabile prima di adottare altre misure con elevata tecnologia, è misura economica sostenibile, è predeterminabile ex ante ed è misura a carattere protettivo. Avrebbe ridotto, se non evitato, il ribaltamento del carro cisterna e ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?