Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
22 ago 2021

"Gkn fa affari anche con il nostro governo" Sotto accusa il contratto per 31 elicotteri

"Le istituzioni tacciono dal 4 agosto, intanto lavorano con quest’azienda: assurdo avere una partnership simile", attaccano i sindacati. Al centro c’è una commessa per apparecchi da guerra destinati alla Marina tedesca che coinvolge anche la Leonardo Spa

22 ago 2021
barbara berti
Cronaca
Una manifestazione di protesta dei lavoratori della Gkn davanti alla stazione di Santa Maria Novella
Una manifestazione di protesta dei lavoratori della Gkn davanti alla stazione di Santa Maria Novella
Una manifestazione di protesta dei lavoratori della Gkn davanti alla stazione di Santa Maria Novella
Una manifestazione di protesta dei lavoratori della Gkn davanti alla stazione di Santa Maria Novella
Una manifestazione di protesta dei lavoratori della Gkn davanti alla stazione di Santa Maria Novella
Una manifestazione di protesta dei lavoratori della Gkn davanti alla stazione di Santa Maria Novella

di Barbara Berti Gkn costruisce anche elicotteri. E il governo italiano ci collabora. E’ di novembre 2020 la firma del contratto tra il consorzio NHI Industries e l’agenzia Nato Nahema (Nato Helicopter Management Agency ) per la fornitura di 31 elicotteri NH-90 Multi Role Frigate Helicopters (Mrfh) Sea Tiegr per la Marina Tedesca, un contratto che ha un valore di 2,7 miliardi di euro. Il consorzio NHI Industrie è controllato dalla società Airbus con il 62,5% e comprende anche Leonardo Spa, che ne detiene il 32%, e Gkn Fokker, con il restante 5,5%: ogni azienda ha un lungo pedigree aerospaziale. Infatti – per chi è poco pratico dell’argomento – Airbus è un costruttore multinazionale europeo di aeromobili con sede in Francia, mentre Leonardo Spa è un’azienda italianissima (tanto che il suo maggiore azionista è il ministero dell’Economia e delle Finanze che possiede una quota di circa il 30%) leader nei settori della difesa, dell’aerospazio e della sicurezza, mentre Gkn Fokker è una ‘pedina’ del fondo Melrose, lo stesso che detiene lo stabilimento Gkn Driveline di Campi Bisenzio che vuole chiudere e, di conseguenza, licenziare i 422 dipendenti. Nell’aprile 2018, infatti, il fondo inglese quotato alla Borsa di Londra ha acquisito il gruppo di aziende legacy Gkn che si articola in tre divisioni principali: Gkn Aerospace, Gkn Automotive e Gkn Powder Metallurgy. Sul sito Gkn Aerospace la firma per gli elicotteri viene così enfatizzata: "L’acquisto degli elicotteri rafforza oggi la posizione di leadership di Gkn Aerospace nel settore della difesa e rafforza il suo focus strategico sul mercato per il futuro". Michiel van der Maat, vicepresidente per l’attività di difesa di Gkn rincara: "Siamo orgogliosi del nostro continuo coinvolgimento nel programma di successo NH90. La nostra partecipazione a NHIndustries ci consente di rafforzare le relazioni chiave con i nostri partner e consente lo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?