Firenze, 2 dicembre 2019 - A vederla arrivare, in carne ed ossa, dopo averla ammirata per anni sul web con i suoi tutorial sul make up, quasi non ci si crede. Quando, nel pomeriggio di domenica 1 dicembre, con un lungo abito nero con dei disegni oro, è uscita dall'hotel dove in questi giorni alloggia, per raggiungere a piedi il PopUp fiorentino, sembrava quasi una bambola.

Piccola di statura, due occhi verdi e lucenti, ClioMakeUp, al secolo Clio Zammatteo, è apparsa quasi come una visione alle migliaia di persone che già dalla tarda mattinata (l'apertura delle porte del PopUp era prevista dalle 16,30) si erano messe in fila in via Dei Lamberti, desiderose di incontrarla, rubare uno scatto con lei e scambiare qualche parola.

L'apertura al pubblico del PopUp è stata preceduta da un momento dedicato alla stampa e agli influencer e da un “bagno di folla” al quale Clio, benché al quinto mese di gravidanza, non si è voluta sottrarre, mandando letteralmente in delirio i suoi “ragazzi e ragazze”, come li chiama lei.

Clio, qual è il segreto del tuo successo?

"Quando mi guardo indietro mi sembra quasi incredibile pensare a dove sia arrivato oggi quello che è iniziato quasi come un hobby. Ero da sola, nella mia camera a far video e adesso ho tante persone che lavorano con me, nel mio team. Il ClioPopUp è l'evoluzione di questo progetto, nato nel 2008, un sogno che si realizza e che dà concretezza ai tanti consensi raccolti negli anni attraverso lo schermo. Qui, nel PopUp, è dove tutto si fa reale, si può toccare con mano; dove posso incrociare gli occhi delle persone e percepire la loro emozione che diventa sempre anche la mia".

Una delle cose più belle del tuo progetto è la trasversalità con la quale raggiunge persone diverse per sesso ed età

"Questo accade perché secondo me la gente sa guardare al di là dell'argomento principale che è quello del trucco e vede quindi quello che è stato un percorso che conferisce una speranza a chiunque abbia un'idea nei più svariati ambiti. Insomma, la mia è la storia di una persona che con le sue sole forze economiche, senza finanziamenti, ha coronato un sogno e riesce a portare avanti una realtà pulita e bella. E, nella società attuale, non è una cosa semplice e neppure scontata".

Forse la parola d'ordine di ClioMakeUp è proprio “amore”. E qui tiriamo in ballo Claudio, tuo marito...

"Claudio, nel progetto ClioMakeUp, non è stato ne' dietro di me, ne' davanti a me: è stato ed è al mio fianco. Chi mi conosce sa che io non credevo in me stessa, lui ha saputo darmi quell'iniezione di fiducia per aiutarmi a uscire dal mio guscio, facendomi capire che potevo fare qualcosa di buono. E alla fine, questo qualcosa, lo abbiamo fatto insieme, come era giusto che fosse. Da questa mia esperienza ho dedotto che nella vita tutti abbiamo bisogno di qualcuno che ci dia la spinta che ci serve, che sia un fratello, una sorella, un amico, un compagno, un amante: qualcuno con il quale poter condividere i momenti belli e quelli bui. Sui social infatti si tende a mostrare solo le cose belle, ma le difficoltà ci sono e per superarle è necessario confrontarsi con qualcuno di cui ti puoi fidare".

In effetti sui tuoi social il tuo meraviglioso sorriso è la prima cosa con la quale ci accogli

"Diciamo che, in generale, penso che per quanto possa avere dei momenti tristi, c'è sempre chi sta peggio di me e cerco di vedere il lato positivo. Ho una bella vita, una famiglia fantastica, un lavoro che amo, quindi non c'è niente di cui mi debba lamentare. Tutte le cose sono superabili".

Parlando di “lavoro”, con la tua linea cosmetica a marchio ClioMakeUp hai mosso i primi passi anche nella produzione dei cosmetici. Intendi ampliare questo settore?

"Assolutamente si. Il prossimo anno ci concentreremo in particolare sui prodotti viso, non soltanto occhi e labbra. Ci sono quindi novità in cantiere anche se il lavoro è molto lungo e difficile. Quando infatti ti trovi davanti a scegliere le formule dei prodotti, ti si apre un mondo. Una cosa infatti è testare un prodotto già fatto, tutt'altra storia è crearlo. Sono tante le cose alle quali bisogna stare attenti, noi poi ci teniamo ad avere una linea vegan e una certa etica che perseguiamo".

Una linea cosmetica nata appena due anni fa e che già compete con i più grandi brand. Ti senti orgogliosa di questo?

"Quando sono usciti i primi articoli di giornale nei quali vedevo i miei prodotti ero quasi incredula. Se 10 anni fa mi avessero detto che vicino ai prodotti che utilizzavo regolarmente avrei trovato anche i miei non ci avrei creduto. Mi piace molto che la gente lo percepisca come un brand di valore, questo è molto importante per me. Non i trucchi fatti dalla “ragazza che fa i video” di qualità scadente, bensì la qualità eccelsa che per me va di pari passo con le performance dei prodotti. I grandi brand possono anche permettersi qualche “scivolone”, io no voglio la perfezione e non esco con un prodotto se non mi soddisfa al 100%".

Da qualche giorno è aperto un nuovo PopUp a Milano

"A Milano apriamo per la terza volta. Lì abbiamo il nostro “Lab” (il quartier generale del “Team Clio", ndr) e quindi è la zona d'Italia che più ci resta comoda per le aperture. Ogni anno, da quando per la prima volta lo abbiamo attivato, il PopUp si rivela una formula vincente, per questo l'obiettivo è quello di arrivare in tutta Italia per accontentare i milioni di persone che ci seguono. Tuttavia siamo un team che gestisce tutto dall'interno e quindi è un po' difficile organizzare ogni singola città. Ci proviamo, ogni anno la sfida è riuscire ad aprirne almeno uno nuovo in più. Quest'anno infatti, dopo la new entry Firenze, il PopUp farà tappa in una nuova città, che sarà comunicata in questi giorni tramite i nostri social".

Dopo le interviste Clio ha incontrato i fans per più di tre ore, sempre in piedi, regalando a tutti abbracci e sorrisi. Asia e Lisa hanno incontrato Clio Make Up per la prima volta: “La seguiamo da quando eravamo piccole, anche nei programmi in tv. Riuscire a incontrare una persona che ti fa entrare nella sua vita attraverso il web è un'emozione incredibile. Con la sua semplicità, Clio ti mette subito a tuo agio e ti ritrovi a parlarci come se la conoscessi da sempre. E' una donna vera a 360 gradi, con quello che le riesce fare bene e con le sue insicurezze; sicuramente non è perfetta ma è vera: è questo che ci piace di lei”.