Tribunale (foto d'archivio)
Tribunale (foto d'archivio)

Firenze, 26 febbraio 2020 -  E' stato assolto dalla corte di appello di Firenze, perché il fatto non sussiste, dall'accusa di violenze sessuali plurime nei confronti delle figlie che all'epoca dei fatti contestati avevano 4 e 8 anni.

Protagonista della vicenda un uomo di 57 anni. La sentenza arriva dopo sei gradi di giudizio, compresi due annullamenti con rinvio da parte della Cassazione. Le indagini che hanno portato al processo sono partite nel 2012, dopo la denuncia presentata dalla madre delle bimbe.

In primo grado l'uomo, assistito dagli avvocati Gianluca Gambogi e Carlotta Corsani, era stato condannato in abbreviato a 7 anni e mezzo di reclusione, pena ridotta a 5 anni in appello. Nel maggio del 2015 l'annullamento in Cassazione della sentenza di secondo grado. Nuova condanna poi in appello e nuovo annullamento della Suprema corte in accoglimento del ricorso della difesa, per illogicità della sentenza impugnata, spiegano i legali del 57enne: non sarebbe stata coerente con la valutazione delle prove. Il processo è tornato così nuovamente davanti ai giudici di secondo grado che hanno deciso di riaprire l'istruttoria per ascoltare la testimonianza della madre delle piccole. Nei giorni scorsi la sentenza che ha assolto l'uomo da tutti gli episodi contestati.