Alluvione, rimborsi per i cittadini. Al via l’iter per ricevere i contributi

Chi ha fatto domanda riceverà una mail dalla Regione con le modalità con cui comunicare il proprio iban

Alluvione, rimborsi per i cittadini. Al via l’iter per ricevere i contributi
Alluvione, rimborsi per i cittadini. Al via l’iter per ricevere i contributi

di Pier Francesco Nesti

La Regione ‘mette un punto’ alla questione dei risarcimenti destinati agli alluvionati. Lo fa ufficializzando il via alla procedura che porterà sui conti correnti dei cittadini 3mila euro. Ancora poco, niente in pratica rispetto a quelli che sono stati i danni subiti da tanti, anche se, come ha spiegato il presidente Giani, "si tratta di un primo contributo, che non esaurisce l’iter dei rimborsi e che potrà sommarsi a ulteriori somme che verranno messe a disposizione da Stato e Regione". Quel che è certo è che da ieri tutti i potenziali beneficiari del rimborso vengono contattati via e-mail affinché forniscano un codice Iban.

Con una novità non di poco conto: "Abbiamo previsto nella procedura – spiega Giani - anche ulteriori rimborsi per auto, moto e altri beni mobili non rientranti nelle disposizioni del Dipartimento nazionale di Protezione civile e del Governo, proprio perché stiamo facendo il massimo per aiutare le persone colpite". Tutti i cittadini che hanno caricato la loro domanda con il formulario della piattaforma regionale riceveranno quindi una e-mail in cui vengono spiegate le modalità con le quali si potrà comunicare alla Regione il proprio Iban (l’intestatario del conto deve essere necessariamente il beneficiario). Verrà data precedenza a tutti le domande già inserite e processate: vista però l’estensione dei termini per la compilazione del formulario di ricognizione danni, anche i cittadini che hanno potuto compilare solo in questi giorni la domanda saranno contattati nelle prossime settimane.

Anche in questa fase sarà possibile delegare un soggetto terzo a compilare il formulario: in tal caso è necessario caricare delega firmata e copia del proprio documento di identità. Il delegato può anche non essere lo stesso della prima fase di ricognizione. Non sono previsti altri metodi per acquisire il codice Iban.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro