Firenze, al Teatro Lumiére va in scena ‘Funny Money’

Appuntamento al 14 aprile

Funny Money, i protagonisti al teatro Lumiere

Funny Money, i protagonisti al teatro Lumiere

Firenze, 9 aprile 2024 – A Firenze al Teatro Lumiére va in scena ‘Funny Money’ di Ray Cooney per la regia di Matteo Vacca. L’appuntamento è il 14 aprile alle ore 16 e 45.

Molto intrigante la trama dello spettacolo. Quante probabilità ci sono di fare sei al Superenalotto o di vincere alla lotteria? Le stesse di trovare 1.200.000,00 euro in metropolitana dentro una valigetta identica a quella che utilizzi per andare in ufficio tutte le mattine. Eppure un colpo di fortuna può sempre capitare nella vita, ed è proprio quello che è successo a Riccardo. La sua vita tranquilla e ordinaria viene totalmente scombinata, cosi come quella di Alessandra, la sua adorabile compagna, che però non ha nessuna voglia di scappare in Messico con i soldi. La fuga sembrerebbe inevitabile perché il denaro appartiene alla mafia, quindi non ci sono alternative, soprattutto perché anche la polizia vorrebbe saperne di più. Quindi, occhio alla valigetta con i soldi, non perdetela mai di vista. Il testo è di Ray Cooney, adattamento e regia di Matteo Vacca. In scena sul palcoscenico del Lumiere, via di Ripoli 231, ci saranno Matteo Vacca, Martina Zuccarello, Claudia Ferri, Elisa Pazi, Marco Fiorini, Walter Del Greco. Scena Lina Zirpoli e Giovanni Valgimigli. Per informazioni e vendita biglietti rivolgersi a [email protected] - 055 389 0214 www.teatrolumiere.it. Il botteghino è aperto il lunedì, il mercoledì e il venerdì dalle 17 alle 19.

Il Teatro Lumière è la continuazione di una radicata tradizione culturale sempre in crescita dal 1920 a oggi. Nella piazza di Badia a Ripoli all’angolo con via Chiantigiana ebbe vita intorno al 1920 il piccolo teatro “La Società”, dove si esibiva una compagnia composta allora da soli uomini. Nel secondo dopoguerra fu costruito, nell’attuale piazzale del Centro Incontri, lo spazio cine-teatrale all’aperto denominato “Arena Don Bosco”. Nei primi anni ’70 fu realizzata la sala attuale che è stata ristrutturata nel 2010 con l’aggiunta di camerini e la messa a norma di tutti gli impianti. La Compagnia Stabile del Teatro Lumière nacque anch’essa negli anni 20 del secolo scorso e fu intitolata a Giosuè Borsi, un intellettuale livornese ma fiorentino di adozione, considerato un martire della prima guerra mondiale. Maurizio Costanzo