E’ la notte di Fiorentina-Empoli. Andreazzoli: “Loro forti, ma non dobbiamo snaturarci”. Baldanzi in forse

Il tecnico azzurro presenta la sfida di stasera (ore 20.45) al Franchi. “Il derby non ci fa paura”

Il tecnico dell'Empoli, Aurelio Andreazzzoli

Il tecnico dell'Empoli, Aurelio Andreazzzoli

Empoli (Firenze), 23 ottobre 2023 – Ci siamo. Il momento del derby è arrivato. Stasera alle 20.45 al “Franchi” di Firenze si scende finalmente in campo, dopo due settimane senza partire ufficiali. Un confronto a cui l’Empoli arriva dopo quindici giorni non proprio congeniali.

Andreazzoli aveva l’occasione di poter lavorare maggiormente con la squadra, ma tra convocati in Nazionale e alcune defezioni non è stato possibile. "Ci siamo dovuti adattare facendoci aiutare da tutto il gruppo della Primavera e non è stata certo la situazione ideale. Abbiamo comunque allenato in maniera proficua quelli che c’erano". Ciò che desta maggiori preoccupazioni sono però le condizioni di Baldanzi. "Le valuteremo fino da ultimo, ma se c’è il minimo dubbio rinunciamo a qualsiasi pensiero di utilizzo – chiarisce il tecnico di Massa –, perché quello che ci sta più a cuore è la salute dei nostri calciatori".

Andreazzoli inquadra poi quelle che saranno le difficoltà principali di questa sfida. "Il valore dei nostri avversari. Giochiamo contro una squadra molto forte, lo dice la classifica, la storia, il fatto che è sempre in ascesa e poi lo dico io perché mi piace molto quello che fanno – aggiunge l’allenatore –. Noi vogliamo misurarci per vedere se possiamo essere all’altezza, ma per farlo occorrerà usare tutte le armi possibili. È una partita molto attesa e la giocheremo in un ambiente dove l’entusiasmo non mancherà. Siamo anche nella condizione giusta per il periodo in cui ci troviamo, quindi sono molto curioso".

«Credo che loro vorranno rubarcela prima possibile, la palla, ma noi avremo la stessa intenzione, poi quando ce l’hai fra i piedi servono le qualità e le idee per trasformare – spiega Andreazzoli –. Non dobbiamo guardare tanto a modificare qualcosa in particolare rispetto alla Fiorentina, piuttosto se vogliamo arrivare a fare dobbiamo perseguire quella che è la nostra idea".

Tra i possibili ballottaggi ce ne è uno che da qui in avanti potrebbe diventare una costante, ossia il portiere. "Berisha ha fatto molto bene da quando io sono qua, è una persona eccellente nello spogliatoio, una certezza – sottolinea Andreazzoli –. Caprile sappiamo le aspettative e quello che ha dimostrato in passato. È bravo e ha il miglior allenatore a disposizione, quindi quando sarà a posto faremo le dovute valutazioni, sempre per il bene della squadra. Maldini e Gyasi? Li ho visti bene, Daniel ha bisogno di entusiasmo e di sentirsi bene, Gyasi è un giocatore interessante perché può fare un po’ di tutto".

Continua a leggere tutte le notizie di sport su