Il presepe vincitore nella categoria 'Materiali di recupero'
Il presepe vincitore nella categoria 'Materiali di recupero'

Cerreto Guidi, 8 gennaio 2019 - Studenti, professionisti e appassionati della capannuccia, pure temi di attualità. Sono stati loro protagonisti della premiazione dell’edizione 2018 della Via dei presepi di Cerreto Guidi. Tre le categorie ‘incoronate’: la scuola dell’infanzia sanimianiatese La Scala ha vinto nei ‘Bambini’ con il presepe 127, Sandro Nardini e il suo presepe 102 hanno vinto nella categoria ‘Tradizionali’ e Danilo Ancillotti con il presepe numero 2 nei ‘Materiali di recupero’.

La premiazione si è tenuta domenica 6 gennaio nella Palazzina dei cacciatori, anche se l’ottava edizione della manifestazione dedicata alle natività, capace di richiamare nel borgo mediceo circa 30mila persone decise a passare in rassegna uno dopo l’altro le 170 natività allestite nel centro storico, prosegue fino al 13 gennaio.

Premi a parte, la giuria tecnica della manifestazione ha anche assegnato due menzioni speciali. A chi sono andate? Al presepe 157 opera dei ragazzi del centro diurno Girasole di Gavena e alla natività 128 di Eva e Sergio Caponi, con il presepe 85 opera di Sandra Malvolti, segnalato dalla commissione di valutazione e dal Comune «per il particolare significato che richiama alla lotta contro la violenza sulle donne».

Impossibile non salutare con soddisfazione l’iniziativa. «Ringrazio – ha sottolineato il sindaco Simona Rossetti – il Comitato promotore, il Ccn Buontalenti, la Pro Loco, il parroco don Donato Agostinelli e i numerosi volontari che hanno contribuito alla realizzazione dei presepi». Un grazie anche «agli artigiani e ai quattro presepisti storici, Fabio Bandini, Giuseppe Landi, Gessica Mancini ed Ermindo Michetti», ha proseguito quindi il primo cittadino, riservando «un ringraziamento speciale alle migliaia di visitatori giunte a Cerreto Guidi: la Via dei presepi ha consentito a un crescente numero di persone di venire a Cerreto e di conoscere così sempre di più il nostro territorio».