Restyling Porta Pisana. Al via verifiche e analisi per la valorizzazione. Spesa da 40mila euro

La struttura storica è situata al margine ovest del centro. E il suo recupero rientra negli interventi del progetto ’Arno Vita Nova’. Barnini: "Così restituiremo un luogo simbolo di Empoli alla comunità".

Restyling Porta Pisana. Al via verifiche e analisi per la valorizzazione. Spesa da 40mila euro
Restyling Porta Pisana. Al via verifiche e analisi per la valorizzazione. Spesa da 40mila euro

EMPOLI

Il recupero di Porta Pisana è la prossima tappa dell’intervento Arno Vita Nova. È infatti stato messo nero su bianco l’incarico per lo studio preliminare di verifica, analisi strutturale e diagnostica per la valorizzazione della struttura storica ubicata al margine ovest del centro cittadino, per un importo lordo totale di circa 40mila euro. Oltre a quest’area, nel progetto “Arno Vita Nova“, che vede coinvolto anche il Comune di Capraia e Limite per la nuova passerella ciclopedonale sull’Arno, rientrano anche la ristrutturazione e rifunzionalizzazione degli ex Macelli e il recupero di Palazzo Ghibellino. "Inizia il percorso per restituire un luogo simbolo di Empoli alla comunità – sottolinea la sindaca Brenda Barnini –. La riqualificazione di Porta Pisana e dell’area dove sorge, la restituzione di nuove funzioni agli ex Macelli e il recupero di Palazzo Ghibellino di fatto renderanno Empoli ancor più a misura di comunità, visto il valore e gli obiettivi di questi futuri cantieri, ovvero rendere questi spazi ‘contenitori’ di funzioni e servizi condivisi con la cittadinanza stessa. E’ infatti ancora in svolgimento il percorso partecipativo dedicato ad Arno Vita Nova e al futuro delle strutture interessate".

"Anche in questo caso, parliamo di un intervento di rigenerazione urbana strategico – conclude Barnini –, reso possibile dalla capacità dell’amministrazione e degli uffici, che ringrazio, di intercettare finanziamenti e di fare rete con le altre realtà comunali, in questo caso quella di Capraia e Limite, andando oltre una visione di città individuale ma guardando a quella città sulle due rive che permetterà anche a Empoli di crescere e valorizzare le proprie eccellenze". Per quanto riguarda Porta Pisana, prima di avviare il progetto di recupero, visto il valore storico e lo stato attuale di conservazione, è necessaria una serie di importanti operazioni di indagini diagnostiche, valutazioni statiche e approfondita analisi storico-critica, il tutto corredato da un percorso di collaborazione con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Firenze e per le province di Pistoia e Prato e l’amministrazione per individuare il corretto approccio progettuale. Da qui è nata l’esigenza di affidare un incarico per il relativo servizio specialistico.

Contemporaneamente proseguono le attività di “Empoli Futura“, in cui amministrazione e cittadinanza discuteranno insieme sul futuro della città, contribuendo alla pianificazione delle trasformazioni del territorio e di alcuni edifici e aree da rigenerare. Da una parte il percorso partecipativo promosso dal Comune di Empoli per la redazione del nuovo Piano Operativo Comunale, strumento urbanistico che stabilisce nel dettaglio dove, come e quanto si può intervenire nella trasformazione, valorizzazione e tutela del territorio comunale, dall’altro quello promosso dalle amministrazioni di Empoli e Capraia e Limite, dedicato al progetto di rigenerazione urbana “Arno Vita Nova“ e al futuro degli spazi da esso interessati. In tal senso l’ultimo incontro è in programma mercoledì 24 gennaio dalle 18 alle 20, a La Vela Margherita Hack di Avane: sarà l’occasione per presentare e discutere proposte, suggerimenti e riflessioni emerse durante i percorsi partecipativi.