Autovelox sulla Statale: "Gli incidenti sono troppi. È una misura necessaria". A breve sarà in funzione

Il sindaco Masetti: "Ho il dovere di fare il possibile per fermare la strage"

Autovelox sulla Statale: "Gli incidenti sono troppi. È una misura necessaria". A breve sarà in funzione

Il sindaco Masetti: "Ho il dovere di fare il possibile per fermare la strage"

Un nuovo autovelox posizionato sulla Statale 67, che entrerà in funzione nelle prossime settimane. Ma che è già motivo di polemica fra centrosinistra e centrodestra, fra chi ne indica l’indispensabilità per ridurre gli incidenti e chi lo vede come un metodo per "fare cassa" sulla pelle degli automobilisti. Il rilevatore di velocità è stato installato due giorni fa e non è ancora attivo, ma il Comune di Montelupo ha fatto sapere che nel primo giorno di prova un utente su 8 ha superato i limiti di velocità. Alla base della decisione di installare il velox ci sarebbero, oltre alle segnalazioni dei cittadini, anche i numeri trasmessi dalla polizia municipale: dal 2013 a oggi gli incidenti stradali avvenuti su tutto il territorio montelupino sono stati 333, 137 dei quali nel primo tratto della Statale (il 41% del totale). Il punto critico è quello compreso fra via delle Pratella e la rotatoria con via Fratelli Cervi, che lo scorso 23 aprile è stato teatro di un incidente mortale. "La scelta di collocare l’autovelox in quel punto è stata condivisa e autorizzata dalla prefettura. Ribadisco che non è attivo e prima che lo sia sarà nostra cura darne ampia informazione – ha premesso il sindaco Paolo Masetti, giocando d’anticipo - apponendo anche segnaletica orizzontale e verticale più evidente di quanto richiesto dal codice stradale, così da mettere in condizione ogni automobilista di non incorrere in sanzioni. La discussione sul ’fare cassa’ mi infastidisce, lo dico subito: ho il dovere di fare il possibile per evitare che si muoia per le strade. Ricordo anche che, proprio in corrispondenza della nuova postazione, una persona è stata gravemente ferita. E una giovane ha perso la vita dopo esser stata investita".

La replica di Eliseo Palazzo, capogruppo della Lega all’Unione dei Comuni Empolese Valdelsa, non si è fatta attendere. "Non è necessario mettere le mani avanti sulla spinosa questione del ’fare cassa’ – ha attaccato - ma si rende opportuno evidenziare che, se nel 2024 su una strada percorsa da migliaia di auto e utenza debole ci si limita ancora a installare autovelox, qualche domanda dovremmo porcela. E’ piuttosto necessario intervenire sulla luminosità, sulla visibilità nelle ore notturne, sugli attraversamenti pedonali ’smart’ e sulla messa in sicurezza delle banchine".