Roma, 19 ottobre 2021 – E' iniziata, su base volontaria, la transizione verso il nuovo digitale terrestre, con la dismissione della codifica Mpeg-2 a favore della codifica Mpeg-4 su standard Dvbt: le emittenti trasmetteranno con la nuova codifica alcuni dei loro programmi rappresentativi. Il passaggio completo avverrà nel 2022, ma per alcuni canali Rai e Mediaset lo switch off partirà dal 20 ottobre e chi ha una tv acquistata prima del 22 dicembre 2018 potrebbe non vederli più. Sono Rai 4, Rai 5, Rai Movie, Rai Yoyo, Rai Sport+ HD, Rai Storia, Rai Gulp, Rai Premium e Rai Scuola, Tgcom24, Mediaset Italia 2, Boing Plus, Radio 105, R101 Tv e Virgin Radio Tv. Il governo ha stanziato 250 milioni di euro per il bonus rottamazione tv, che consentirà di ottenere uno sconto fino a 100 euro. Dal 23 agosto scorso si può richiederlo. Ecco come funziona.

I requisiti

Per ottenere il bonus tv è necessario essere residenti in Italia e in regola con il pagamento del canone Rai. Per avere diritto all'agevolazione non ci sono limiti di reddito. E' necessario rottamare la televisione incompatibile con i nuovi standard di trasmissione e comprarne una che si trova nell'elenco del ministero dello Sviluppo Economico a questo indirizzo. Hanno diritto al bonus anche le persone fisiche residenti in Italia che al 31 dicembre 2020 risultino di età pari o superiore a 75 anni e che siano esenti dal pagamento del canone Rai in quanto con reddito familiare annuo non superiore a 8mila euro.

L'importo del bonus
Il bonus consiste in uno sconto del 20% sul prezzo d'acquisto, fino ad un importo massimo di 100 euro. Il contributo per la rottamazione della tv è cumulabile per l’acquisto di un apparecchio anche con il precedente incentivo, il bonus tv decoder.

Come rottamare il vecchio apparecchio
Prima di procedere alla rottamazione, bisogna scaricare e compilare il modulo di autodichiarazione che certifichi il corretto smaltimento. La rottamazione può essere effettuata direttamente presso i rivenditori aderenti alla iniziativa presso cui si acquista la nuova televisione, consegnando al momento dell’acquisto la tv obsoleta. In tal caso sarà poi il rivenditore a occuparsi del corretto smaltimento dell’apparecchio fruendo di un credito fiscale pari allo sconto applicato all’acquirente. In alternativa, si può consegnare la vecchia tv direttamente in una isola ecologica autorizzata, prima di recarsi ad acquistare la nuova. In questo caso, l’addetto del centro di raccolta Raee deve convalidare il modulo, che certifica l’avvenuta consegna dell’apparecchio. Con il modulo firmato l’utente potrà recarsi nei punti vendita aderenti e fruire dello sconto sul prezzo di acquisto.

Fino a quando si potrà usufruire del bonus
L'agevolazione durerà fino al 31 dicembre 2022 o fino all'esaurimento delle risorse.