Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
14 set 2019

'Non ci resta che piangere', il film sarà proiettato in piazza del Carmine

A 35 anni dall’uscita nelle sale Firenze omaggiia i due grandi interpreti Benigni e Troisi

14 set 2019
Non ci resta che piangere
Una scena del film ' Non ci resta che piangere'
Non ci resta che piangere
Una scena del film ' Non ci resta che piangere'

Firenze, 14 settembre 2019 - La scena iniziale di ‘Non ci resta che piangere’ è di quelle da storia del cinema: nel bel mezzo della campagna toscana, fermi ad un passaggio a livello, Saverio, il maestro elementare interpretato da Roberto Benigni, e il bidello della stessa scuola Mario, interpretato da Massimo Troisi, ancora non immaginano che di lì a poco si ritroveranno, per uno strano scherzo del destino, trasportati indietro nel tempo, precisamente nel 1492. A 35 anni dall’uscita nelle sale – il film infatti è stato girato infatti nel 1984 e quell’anno è risultata la pellicola campione d’incassi - Firenze si prepara ad omaggiare i due grandi interpreti Benigni e Troisi, con una proiezione in piazza.

L’appuntamento è martedì 17 settembre, alle ore 20,30, quando piazza del Carmine si trasformerà in una sala cinematografica a cielo aperto per una proiezione speciale della pellicola. L’evento, a ingresso gratuito, sarà l’occasione per ricordare e rivivere insieme le scene e le battute più famose, a iniziare da “Chi siete? Cosa Portate? Un Fiorino!”. Ma l’intero film è tutto un susseguirsi di scene mitiche, come il passaggio della dogana o l’incontro con Leonardo da Vinci, ed è pieno di gag e battute che lo hanno reso un cult del genere. 

Prosegue dunque l’appuntamento con la comicità fiorentina che negli anni passati ha visto celebrare in Oltrarno grandi anniversari cinematografici: nel 2015 sono stati infatti festeggiati i 40 anni di ‘Amici miei’ di Mario Monicelli, nel 2016 il ventesimo compleanno de ‘Il Ciclone’, diretto e interpretato da Leonardo Pieraccioni, e l’anno scorso i trent’anni di ‘Caruso Pascoski’ di Francesco Nuti.

Martedì prossimo verranno allestiti 240 posti a sedere riservati ad anziani, donne in gravidanza, portatori di handicap ed altre categorie protette. Il resto della piazza sarà a disposizione di tutti gli altri spettatori. A presentare la serata, lo speaker radiofonico Leonardo Canestrelli che non mancherà di coinvolgere gli spettatori e di sorprenderli con contributi video realizzati da WikiPedro. Momento clou dell’evento organizzato dall’Associazione culturale Bang!, con il patrocinio dell’assessorato alla Cultura del Comune e del Quartiere 1, l’omaggio a Massimo Troisi, protagonista del film insieme a Benigni, nell’anno in cui ricorrono i 25 anni dalla prematura scomparsa dell’attore partenopeo.

“La filosofia che anima questa iniziativa è la valorizzazione della commedia fiorentina e toscana, un grande patrimonio non solo di Firenze ma dell’Italia intera - ha sottolineato l’assessore alla Cultura del Comune di Firenze, Tommaso Sacchi.- Ogni anno celebriamo un grande must della tradizione toscana e fiorentina”. “Non ci resta che piangere è l’essenza della toscanità – ha dichiarato Mirco Rufilli, ideatore della manifestazione -. Frittole ha i connotati del paesino toscano. Il Fiorino è un riferimento chiaro a Firenze. E poi ci sono Roberto Benigni e Carlo Monni la cui comicità si sposa perfettamente con la vena ironica partenopea di Troisi. Insomma, un capolavoro da non dimenticare”. E Costanza Fenyes, presidente della Commissione Cultura del Quartiere 1, annuncia: “Porteremo avanti la tradizione della commedia e della toscanità per far rivivere sempre al meglio le piazze della nostra città”.

 

Maurizio Costanzo

 

 

Una scena del film
Una scena del film
Una scena del film
Una scena del film
Una scena del film
Una scena del film
Una scena del film
Una scena del film
Una scena del film
Una scena del film
Una scena del film
Una scena del film
Una scena del film
Una scena del film
Una scena del film
Una scena del film
Una scena del film
Una scena del film
Una scena del film
Una scena del film

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?