Firenze, 2 dicembre 2019 - Torna la paura in Toscana per il maltempo e i conseguenti allagamenti. Ci sono diverse province che hanno dovuto affrontare criticità nella giornata di lunedì 2 dicembre proprio a causa delle piogge copiose che si sono abbattute (era stata diramata un'allerta gialla). Osservati speciali sono i corsi d'acqua minori, alcuni dei quali saliti di livello a velocità impressionante. Due delle province più interessate sono Pistoia e Prato.

false

Le piogge intense hanno fatto registrare nelle ultime sei ore 70,2 mm alla stazione di Villore nel Mugello mentre a San Baronto (Pistoia) sempre nelle ultime 6 ore sono stati registrati 56,2 mm. Nell'ultima ora invece le piogge più intense sono state registrate a Firenze (22.8 mm) e Scandicci (22,8 mm) mentre sono sostanzialmente cessate le piogge nel pistoiese e pratese.

false

Nelle prossime una o due ore è previsto un graduale spostamento della linea temporalesca verso est con interessamento dei centri abitati delle province centro-settentrionali e orientali (Fi e successivamente Ar, parzialmente Si). Attesi massimi puntuali fino a 30-50 mm in un'ora e fino a 20 mm in 15 mm. Sui fiumi Bisenzio e Ombrone pistoiese è stato attivato il servizio di piena.

false

In provincia di Prato gli allagamenti hanno interessato in particolare Montemurlo, dove è stato attivato il centro di Protezione Civile. Sorvegliato il Bisenzio, che ha superato il primo livello di guardia.

Per quanto riguarda la provincia di Pistoia, ha tracimato il torrente Stella tra Pistoia e Quarrata, con allagamenti ai piani bassi delle case.

Sottopassi chiusi invece a Pontedera a causa della pioggia caduta in mattinata. Un violento temporale ha interessato anche il centro. Anche qui è stata allertata la sala di Protezione Civile. La Fipili è rimasta chiusa per almeno un'ora tra Pontedera Est e Pontedera Ovest a causa degli allagamenti. 

In provincia di Firenze, problemi per allagamenti diffusi in Mugello e nell'Empolese Valdelsa. In Mugello un fulmine ha colpito la linea ferroviaria tra Borgo San Lorenzo e Vaglia: i treni locali hanno subìto pesanti ritardi e cancellazioni. Nell'Empolese Valdelsa i bambini di un asilo a Capraia e Limite sono stati fatti uscire prima. I genitori sono dovuti tornare a prenderli in anticipo perché la zona intorno al plesso scolastico era completamente allagata. 

 "Evitare - sottolinea Massimo Fratini, delegato della Metrocittà alla Protezione civile - di attraversare le aree allagate anche se apparentemente con poca acqua".