Pioggia
Pioggia

Firenze, 7 novembre 2019 - A causa del maltempo, diverse scuole in Toscana resteranno chiuse domani venerdì 8 novembre. Scuole chiuse a Massa ( Massa Carrara), a Carrara ( Massa Carrara), in Lunigiana e a Collesalvetti (Livorno) a seguito del codice arancione emesso dalla Sala operativa della protezione civile regionale. Chiusa anche la scuola materna di Calamari a Pescia (Pistoia) a titolo precauzionale.

Il sindaco di Massa Francesco Persiani ha firmato l'ordinanza di chiusura di tutte le scuole, di ogni ordine e grado, dei parchi e dei cimiteri comunali, per la giornata di domani. Il primo cittadino di Carrara Francesco De Pasquale ha disposto la chiusura degli asili nido e delle scuole di ogni ordine e grado nell'intero territorio comunale. I fenomeni previsti potrebbero consistere in precipitazioni copiose, con possibili innalzamenti dei bacini idrografici in particolare: canali secondari torrenti Carrione e Parmignola. Si rende, pertanto, necessario contenere la circolazione di mezzi e di persone sull'intero territorio comunale nelle ore di maggior afflusso, si legge in una nota, determinato dagli orari di apertura e chiusura delle scuole. Scuole chiuse anche a Livorno, secondo quanto deciso dal sindaco Salvetti. L'amministrazione comunale di Collesalvetti (Livorno), in via precauzionale e cautelativa, ha chiuso tutte le scuole di ogni ordine e grado del territorio comunale, così come dei servizi educativi e dei servizi diurni per disabili, per la giornata di domani. La cittadinanza è invitata a mantenersi aggiornata sull'evoluzione meteo e ad adottare le norme di auto protezione consultabili anche sul sito del Comune di Collesalvetti.

A Pescia, dopo la decisione della provincia di Pistoia di chiudere la strada provinciale 34 della Val di Forfora che collega Pietrabuona a Lanciole a seguito di una caduta massi, considerato anche lo stato di allerta arancione diramato dalla regione Toscana, il sindaco Oreste Giurlani ha stabilito la chiusura della scuola materna di Calamari a titolo precauzionale. «La nostra preoccupazione è relativa principalmente all'aspetto della mobilità : fare girare i pullmini con questi presupposti non ci sembra opportuno - spiega il sindaco - e quindi, dopo l'acquisizione di una serie di pareri tecnici e contattati i dirigenti scolastici, credo sia la soluzione migliore»