La riscoperta dell’arte in Valdarno tra passato e futuro, tradizione e metaverso

Sabato 3 febbraio alle 17 alla Pieve di San Giovanni Battista si svolgerà l’evento promosso dal Comune di San Giovanni Valdarno , il museo della Basilica di Santa Maria delle Grazie, i licei Giovanni da San Giovanni, l’interclub tra la Lega del Chianti, i club Lions e Rotary del Valdarno, l’Accademia italiana della cucina e il Panathlon del Valdarno superiore. Il giorno seguente, alle 11 si terrà la visita guidata alla mostra “Bizzarro e capriccioso umore. Giovanni da San Giovanni, pittore senza regola alla corte medicea”.

mostra

mostra

Arezzo, 1 febbraio 2024 – E’ in programma sabato 3 febbraio alle 17 alla pieve di San Giovanni Battista l’evento dal titolo “La riscoperta dell’arte in Valdarno tra passato e futuro, tradizione e metaverso”. L’iniziativa è promossa dal Comune di San Giovanni Valdarno , il museo della Basilica di Santa Maria delle Grazie, i licei Giovanni da San Giovanni, l’interclub tra la Lega del Chianti, i club Lions e Rotary del Valdarno, l’Accademia italiana della cucina e il Panathlon del Valdarno superiore con l’obiettivo di valorizzare il patrimonio artistico e culturale del Valdarno e del pittore Giovanni Mannozzi.

Dopo i saluti istituzionali del sindaco di San Giovanni Valdarno Valentina Vadi, la parola passerà a Michela Martini, direttrice del Museo della Basilica di Santa Maria delle Grazie e a Valentina Zucchi, direttrice del museo delle Terre Nuove che spiegheranno le finalità dell’importante appuntamento. Entrambe sono anche curatrici della mostra “Bizzarro e capriccioso umore. Giovanni da San Giovanni, pittore senza regola alla corte medicea”, promossa e organizzata dal Comune di San Giovanni Valdarno e inserita nel progetto “Terre degli Uffizi” ideato e realizzato da Le Gallerie degli Uffizi e Fondazione CR Firenze, all’interno delle rispettive iniziative Uffizi Diffusi e Piccoli Grandi Musei. L’esposizione è attualmente allestita al Museo delle Terre Nuove e al Museo della Basilica di Santa Maria delle Grazie e resterà visitabile fino al 31 marzo.

Alle 17,20 la professoressa Lucia Bacci, dirigente dei Licei Giovanni da San Giovanni, illustrerà ai presenti il lavoro degli studenti e delle studentesse dell’istituto superiore sul Seicento a San Giovanni e sull’illustre pittore Giovanni Mannozzi, detto Giovanni da San Giovanni, a cui i licei sono intitolati. Attraverso il metaverso e grazie all’applicazione Spatial e all’intelligenza artificiale, l’utente può infatti, personalizzando il proprio avatar, immergersi nella vita e nelle opere dell’artista sangiovannese.

A seguire, la storica dell’arte Lucia Bencistà parlerà di “attribuzioni, scoperte e restauri recenti in Valdarno”.

L’evento si concluderà alle 18,30 con la consegna di 8 borse di studio al merito agli studenti e alle studentesse dei Licei Giovanni da San Giovanni. Le borse di studio verranno consegnate agli studenti premiati dai delegati in rappresentanza dei sette Club che hanno promosso l'evento e dallo sponsor Bcc Banca Valdarno.

“Un sentito ringraziamento – ha dichiarato il sindaco di San Giovanni Valdarno Valentina Vadi – ai sette club e a tutti coloro che hanno promosso questa interessante iniziativa che evidenzia un’attenzione e una cura per il territorio e per la promozione dell’arte e della cultura che custodisce. Le borse di studio per le studentesse e per gli studenti che hanno realizzato un progetto su Giovanni da San Giovanni mostra inoltre un apprezzamento e un interesse anche nei confronti della mostra che abbiamo allestito nell’ambito di Terre degli Uffizi. Un invito a tutti i cittadini a partecipare all’evento”.

Il giorno seguente, domenica 4 febbraio, i soci dei club e gli ospiti che si saranno prenotati presso uno dei club che hanno promosso l'iniziativa, alle 11,30 effettueranno una visita guidata alla mostra Bizzarro e capriccioso umore. Giovanni da San Giovanni, pittore senza regola alla corte medicea” per poi ritrovarsi a pranzo.