Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
18 mag 2022

Covid Umbria 18 maggio: 676 nuovi casi, scendono i ricoveri. Nessun decesso

Sono ora 153 le persone negli ospedali. Analizzati 4.114 tamponi e test antigenici

18 mag 2022
Avanti con i vaccini
Avanti con i vaccini
Avanti con i vaccini
Avanti con i vaccini

Perugia, 18 maggio 2022 - Altri 30 ricoverati Covid in meno negli ospedali dell'Umbria, lo stesso calo registrato martedì. Sono  ora 153 le persone negli ospedali. Resta invariato il dato delle rianimazioni con un solo posto occupato. Non si registrano nuovi morti per il virus. Il quadro emerge dai dati della Regione. Nell'ultimo giorno sono emersi 676 nuovi casi e 748 guariti, con gli attualmente positivi scesi a 9.330, 72 in meno. Sono stati analizzati 4.114 tamponi e test antigenici, con un tasso di positività del 16,4 per cento (14,2 martedì ma 18,26 mercoledì). 

I vaccini

Situazione vaccini: in Umbria c'è ancora il 7,3 per cento di popolazione con più di 12 anni non vaccinata per il Covid e senza una pregressa infezione. Sono invece 7.825 coloro che hanno ricevuto la cosiddetta quarta dose (878 i prenotati) su una platea di 112.170 soggetti che potrebbero riceverla in base alle norme attuali. Un quadro che emerge dai dati in possesso della Regione aggiornati al 17 maggio. "Non siamo in emergenza e non ci sono preoccupazioni particolari in questo momento ma bisogna tenere alta l'attenzione anche per preservare gli ospedali. Per questo è necessario incrementare ulteriormente le attività vaccinali", ha detto il commissario Covid Massimo D'Angelo. Per questo la Regione sta tra l'altro predisponendo un programma per completare la somministrazione della quarta dose a tutti gli ospiti delle strutture socio-sanitarie. "In questo momento - ha spiegato - il virus ha una elevata diffusività all'interno delle comunità chiuse. Gli ospiti sono soggetti fragili potenzialmente esposti a un rischio più severo in caso di contagio Covid e quindi è importante proteggerli con il secondo booster".

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?