La situazione Covid in Toscana
La situazione Covid in Toscana

Firenze, 29 luglio 2021 - Sono tanti i nuovi positivi al Covid registrati in Toscana nelle ultime 24 ore: 748, dati che riportano la Toscana indietro di quasi tre mesi. Ormai però è chiaro che il numero più importante adesso è quello dei ricoveri e delle terapie intensive. Tuttavia questa forte crescita dei positivi indica che il coronavirus circola intensamente e che la variante Delta è contagiosa. Tuttavia, se la campagna di vaccinazione va avanti, seppur a fatica, e se gli ospedali resistono su livelli accettabili, lo scenario di questa quarta ondata diventa ben diverso dalle precedenti. Leggi anche: In Toscana il 47,6% della popolazione ha completato il ciclo vaccinale

RIVEDI I DATI DI MERCOLEDI' 28 LUGLIO

Tamponi processati

Oggi sono stati eseguiti 8.656 tamponi molecolari e 4.862 tamponi antigenici rapidi, di questi il 5,5% è risultato positivo. Sono invece 6.866 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 10,9% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 5.777, +12,9% rispetto a ieri.

Ricoveri e terapie intensive

I ricoverati sono 125 (4 in più rispetto a ieri), di cui 13 in terapia intensiva (3 in meno).

Muore un uomo di 57 anni

Oggi si registra un nuovo decesso: si tratta di un uomo di 57 anni di Arezzo 

​​Le zone del contagio

A far salire di molto il totale dei positivi in Toscana è la provincia di Firenze con 254 nuovi positivi, un terzo del totale. alto anche il numero della provincia di Lucca, 107. La mappa dettagliata: Firenze (254 in più rispetto a ieri), 23.101 a Prato (63 in più), 23.419 a Pistoia (46 in più), 13.580 a Massa Carrara (21 in più), 25.641 a Lucca (107 in più), 29.821 a Pisa (80 in più), 17.951 a Livorno (44 in più), 23.288 ad Arezzo (59 in più), 14.249 a Siena (49 in più), 9.516 a Grosseto (25 in più).

L'età media si abbassa

Quasi due terzi dei nuovi casi hanno meno di 34 anni: rappresentano infatti il 62,8%. Solo il 3,6% invece ha più di 65 anni: segno che i vaccini funzionano e proteggono la fascia immunizzata. Come si  vaccinarsi non significa avere la certezza di non contagiarsi, ma il rischio si riduce drasticamente, come dimostrano questi numeri, e comunque chi si ammala ha conseguenze molto meno gravi.

Il tasso di positività

E resta molto alto il tasso netto di positività, quello cioè calcolato solo sulle prime diagnosi escludendo i secondi e terzi tamponi di controllo: oggi è a 10,9%. Se si tolgono i dati del lunedì, che risentono della domenica e sono sempre più alti del solito, bisogna tornare al 2 maggio per avere questo dato in doppia cifra. Non è un bel segno.

I tamponi eseguiti sono stati 13.518 (8.656 molecolari e 4.862 test rapidi).

I dati provincia per provincia e per fascia di età:

 

 

 

 

I grafici Covidstat/Infn:

Totale positivi

Ricoveri