Massa Carrara, 9 gennaio 2019 - Diciassette lettere di licenziamento, numero confermato dalla Cgil di Massa Carrara, sono state notificate ieri ad altrettanti dipendenti del Genio civile di Massa Carrara: sono persone finite agli arresti domiciliari con l'accusa di assenteismo lo scorso 6 settembre nell'ambito di un'inchiesta della procura massese e dei carabinieri che ha coinvolto anche personale della Provincia.

In base a quanto spiegato dagli investigatori in occasione degli arresti, in tutto 26, sarebbero stati 5.000 gli episodi di assenteismo accertati e 2.600 euro le ore di lavoro sottratte al servizio pubblico. Gli inquirenti, per le indagini, utilizzarono anche riprese video. I 17 licenziati erano stati nel frattempo sospesi dal lavoro.