Anziano picchiato a Firenze, il figlio: "Aggredito senza motivo, mio padre è terrorizzato”

Il 70enne ha riportato tre costole rotte. Denunciato il 29enne, sconcerto nel quartiere. La Lega attacca: "La città è insicura". Nardella: “Siamo il Comune più videosorvegliato d’Italia”

Firenze, 30 dicembre 2023 – Pare che nei giorni scorsi avessero discusso, sempre per una questione legata al cane. Quello che non è in dubbio, ed è invece una certezza cruda e violenta, è che l’altro pomeriggio gli si è avventato addosso, da dietro, aggredendolo. Lo ha steso con un calcio volante e poi ha continuato a sferrare pedate anche quando era a terra. Pure in faccia. Ferocia inaudita, senza giustificazione, consumata nelle viuzze di Santa Croce, nel centro di Firenze. Settant’anni la malcapitata vittima, 29 l’aggressore, acciuffato a tempo di record dai carabinieri grazie a un reticolo di telecamere che inquadrano via dei Bentaccordi. Il giovane, italiano, residente poco lontano dalla strada del pestaggio, è stato denunciato per lesioni personali. Potrebbe non finire qui: la procura sta valutando il caso, che ha avuto un’eco mediatica enorme.

Le immagini descrivono un’aggressione impari. Da una parte un giovane che sovrasta fisicamente un ingegnere in pensione di cinquant’anni più vecchio di lui. Sono le 13.40 di mercoledì scorso quando il 70enne attraversa la strada. Una figura si scaglia contro di lui, lo insegue e lo scaraventa contro il muro. L’uomo non regge l’urto e cade. L’aggressore allora inizia a riempirlo di calci allo stomaco, alla schiena, poi in testa. La vittima rotola verso il muro, non reagisce e cerca di schivare i colpi coprendosi il cranio con le mani. Dopo un pugno di secondi, molto probabilmente richiamati dalle urla, alcuni passanti si avvicinano. Il giovane a quel punto a si allontana mentre il 70enne resta steso a terra.

Probabile che, abitando a pochi metri di distanza, in un quartiere che di notte diventa della movida ma è ancora popolato dai fiorentini, i due si conoscessero e, soprattutto, avessero già avuto da questionare per la gestione dei propri quattrozampe. Il 70enne, proprietario di un pitbull, aveva l’abitudine di portarlo a passeggio sciolto. E il 29enne avrebbe avuto da ridire. Un battibecco finito come le immagini descrivono meglio delle parole.

In Santa Croce, ieri, dove si gioca il calcio storico, tradizione sì violenta ma improntata su lealtà e rispetto dell’avversario, non si parlava che di questi fotogrammi. Porta chiusa invece a casa del 70enne. Risponde al citofono suo figlio: "Mio padre è spaventato, è una persona anziana. È stato aggredito senza nessun motivo. Come sta? Ha tre costole rotte". Condanna unanime anche tra le gente del quartiere. "Ho visto le immagini, sono raccapriccianti – dice Emanuele Corti Grazzi –. Non conosciamo i motivi che abbiano portato a un simile gesto ma qualunque sia stato è impensabile prendersela con un uomo di 70 anni. Lo stava quasi ammazzando. Lo conosco bene, sia lui che sua moglie. Persone per bene. Che vivono da anni in Santa Croce. Residenti che, nonostante tutti i problemi del quartiere, non lo mollano".

Bagarre anche politica, con il centrodestra che attacca l’amministrazione. "La Lega da quando siede in consiglio comunale non fa che lanciare appelli perché Firenze diventi finalmente una città sicura per tutti, avanzando proposte, proponendo soluzioni concrete. Ma il Pd ha dimostrato in questi quattro anni e mezzo di essere duro d’orecchi", dice il capogruppo Federico Bussolin. "L’identificazione e la denuncia è avvenuta grazie a telecamere private e non del Comune. A gennaio visiterò la nuova control room per capire come funzionano queste 1600 telecamere di Firenze", rincara Alessandro Draghi, Fratelli d’Italia. "Le telecamere non solo consentono alle forze dell’ordine di individuare i colpevoli, ma sono un forte deterrente – risponde il sindaco Dario Nardella –: i malviventi sanno che se provano a fare qualcosa a Firenze, la città più videosorvegliata d’Italia, ci sarà una videocamera che li riprenderà".