Firenze, 3 novembre 2019 - L'allerta meteo si è rivelata purtroppo azzeccata e Toscana e Liguria stanno vivendo ore di apprensione a causa delle imponenti piogge che dalla notte si stanno riversando sui territori.

La situazione più critica in Liguria, dove l'allerta meteo è rossa. da segnalare l'esondazione del Vara che, oltre ad allagamenti vari, sta provocando anche gravi disagi alla circolazione. A Borghetto Vara il fiume è arrivato a coprire il parco comunale, il campo sportivo e fino a viale Regina Margherita, almeno mezzo metro di acqua che ha invaso negozi e abitazioni. Sono attese altre ondate piena verso le 19. A Varese Ligure (Sciarpato e Cadivara) quattro famiglie sono state evacuate, il fiume Vara intanto cresce ed è stato superato il secondo livello di guardia a Sesta Godano e a Brugnato. Annullate le partite di calcio dalla Seconda categoria alla Promozione.

"E’ stata una giornata difficile, Borghetto è stato alluvionato nel centro storico dal fiume Vara -si legge in un post sulla pagina Facebook del Comune -  Tutti sono al lavoro per sistemare al meglio i fondi e le abitazioni piano terra. Il sistema di allerta ha funzionato bene e per fortuna non abbiamo avuto danni alle persone. In molti si sono adoperati al meglio e ringrazio davvero le molte persone che si sono attivate, grazie anche ai volontari di Brugnato, ai molti Sindaci che mi hanno chiamato e alle Forze dell’Ordine, ma un ringraziamento particolare va ai Vigili del Fuoco intervenuti appena chiamato".

A Spezia i sindacati hanno proclamato uno sciopero unitario in porto perché l'allerta rossa "non consente di svolgere le operazioni garantendo la sicurezza sul lavoro".

La zona più colpita

Una crepa si è aperta su un ponte nel comune di Albiano Magra, al confine tra la provincia della Spezia e quella di Massa Carrara. La crepa si è aperta a causa delle forti piogge che cadono incessanti da stamani. Sul posto i tecnici Anas e i vigili del fuoco, oltre alla polizia e all'assessore competente: è stato deciso che il traffico non subirà limitazioni. Sempre nello spezzino, ma nel comune di Maissana, una strada è stata interrotta da una grossa frana.

La strada statale 523 del Colle di Cento Croci è provvisoriamente chiusa al transito in corrispondenza del km 64,000, in entrambe le direzioni, a seguito dell’esondazione del Vara. Sul posto sono presenti le squadre Anas e le Forze dell’Ordine per la gestione dell’emergenza e per il ripristino della normale circolazione nel più breve tempo possibile.

"STATE ATTENTI" - "Massima attenzione domani per il rischio di mareggiate. Il bollettino di metà mattina sarà significativo per capire la situazione come andrà ad evolversi". Lo ha detto l'assessore regionale alla Protezione civile Giacomo Giampedrone che segue la situazione maltempo sulla Liguria dalla sala operativa della Protezione civile. «Il vento dovrebbe aumentare in serata - ha sottolineato Giampedrone - e avremo un avviso specifico per vento e mare soprattutto nel Levante tra Portofino e Sarzana nel pomeriggio». Il 29 ottobre 2018 una potente mareggiata con onde alte fino al 10 metri, favorita dallo scirocco girato a Libeccio, ha letteralmente divorato la strada che collega Portofino a Santa Margherita mentre nei porticcioli vicini ha sbattuto yacht anche di notevoli dimensioni sulla strada dei lungomare.

Strada chiusa per frana

TOSCANA - In Toscana nella notte le zone più colpite sono state l'Empolese e il Pisano, soprattutto la Zona del Cuoio e il Pontederese. Diversi gli interventi durante la notte a causa delle piogge, specialmente nel pisano. Il comune più colpito è stato San Miniato dove si sono verificati allagamenti di fabbricati, scantinati e case. Smottamenti sulle strade comunali. Squadre dei Vigili del Fuoco e volontari sono intervenute nel sottopasso di San Romano allagato per 1,7 metri. Nella nottata è rimasta bloccata un'auto con a bordo una donna, che è stata poi soccorsa.  Chiuso un sottopasso a Fornacette. Interventi numerosi a Cascina e Vicopisano per allagamenti e alberi pericolanti o su sede stradale. Dalle 13 in poi gli interventi si sono spostati nella zone di Pisa, San Giuliano Terme e sul Litorale per alberi pericolanti o su sede stradale. In tutto circa 25 gli interventi dei vigili del fuoco.

Fucecchio sabato sera le strade in certi punti sono diventati fiumi (VIDEO).

A Piancastagnaio (Siena) una copertura è stata divelta dal forte vento.

Sempre nella Toscana meridionale un forte temporale, accompagnato da forti raffiche di vento, ha fatto attivare la protezione civile di Manciano (Grosseto) per la caduta di una grossa pianta che ha completamente ostruito la strada dei Pianetti, che si collega alla Sr 74. La strada dei Pianetti è stata al momento chiusa al traffico. Sul posto carabinieri, una squadra della protezione civile specializzata nel taglio e nella rimozione di piante, operai del Comune, con loro il sindaco Mirco Morini.

Livorno è stato deciso di chiudere il lungomare per un paio di chilometri per il timore della mareggiata.

MANDATE LE VOSTRE SEGNALAZIONI, FOTO E VIDEO AL NUMERO WHATSAPP 331.6121321 O A ONLINE@LANAZIONE.NET 

Smottamenti si sono verificati nella provincia di Massa, con la caduta di alcune piante sulle strade comunali a Pontremoli e Zeri. Sulla strada provinciale 66, la strada dei due santi che porta da villaggio degli Aracci verso il passo dei due santi, la strada e' chiusa in entrambe le carreggiate.

Un nubifragio si è abbattuto nel primo pomeriggio tra Firenze e Prato.  Problemi alla viabilità, soprattutto sulla A11 Firenze-Mare al casello di Firenze Ovest e a Prato est sia al casello che sulla declassata che conduce all'autostrada, dove la sede viaria è a tratti allagata. A Firenze allagato il sottopasso della stazione di Rifredi dall'ingresso di via Vasco De Gama. Sempre a Firenze, un fulmine si è abbattutto sul campanile di una chiesa della zona di Novoli provocando danni.

LA VIABILITA' SUI TRATTI SALT (A12 E A15) clicca qui

LA VIABILITA' SULLA RETE DI SOCIETA' AUTOSTRADE clicca qui

MAREGGIATE - Sia in Toscana che in Liguria sono attese imponenti mareggiate, non al livello dell'ottobre 2018 ma comunque molto importanti. In Toscana è allerta gialla fino alle 22 per la pioggia, per le mareggiata l'allerta è arancione, dalla mezzanotte di domenica fino alle 13 di lunedì sull'Arcipelago settentrionale (Capraia e Gorgona) e sulla costa centrale. I mari saranno da molto mossi a molto agitati a causa del vento forte di Ponente.

Nella notte, e per tutta la giornata di lunedì codice giallo per vento anche sull'Alto Mugello e i versanti emiliani dell'Appennino che saranno colpiti dai venti di Ponente e dai rinforzi di Sud est che arriveranno nel pomeriggio.

In Liguria domenica 3 novembre tempo perturbato con precipitazioni diffuse da Ponente a Levante. Lunedì 4 novembre nuovo peggioramento dal pomeriggio con piogge diffuse a Levante, localmente anche a carattere di rovescio. Venti in rinforzo da Sud, Sud-Ovest forti nella zona vicino al confine con la Toscana.