"Su Creti solo polemica politica". Ceccarelli risponde a Spensierati

Il consigliere regionale Ceccarelli risponde all'assessore Spensierati, accusandolo di mistificare i fatti per alimentare la polemica politica riguardo alla localizzazione a Creti di Medioetruria. Ceccarelli afferma che le dichiarazioni di Spensierati sono frutto della sua fantasia e che i risultati presentati nel 2015 dimostrano che Rigutino era la scelta migliore. Ceccarelli suggerisce a Spensierati di recuperare informazioni corrette e veritiere prima di esprimere un'opinione.

"Su Creti solo polemica politica". Ceccarelli risponde a Spensierati
"Su Creti solo polemica politica". Ceccarelli risponde a Spensierati

CORTONA

Il consigliere regionale Ceccarelli risponde all’assessore Spensierati: "Mistifica i fatti per alimentare la polemica politica". Arriva la risposta dell’ex assessore ai trasporti della Regione Toscana che risponde all’assessore ai trasporti del Comune di Cortona dopo l’intervento social pubblicato nei giorni scorsi da Spensierati. "Forse l’assessora di Cortona si riferisce ad un altro Ceccarelli... altrimenti devo pensare che mi attribuisca delle posizioni mistificando i fatti per alimentare la polemica politica e tentare di uscire da un isolamento nel quale buona parte della sua stessa parte politica l’ha confinata", esordisce Ceccarelli. Nei giorni scorsi Spensierati aveva pubblicato sulla sua pagina Facebook un comunicato stampa del 2015 in riferimento alla posizione del Comune di Cortona riguardo la localizzazione a Creti di Medioetruria: l’assessore cortonese aveva scritto che "il Pd, né la sindaca Basanieri, né l’ex assessore ai trasporti Ceccarelli avevano ostacolato la scelta di Creti, a differenza di adesso". Subito è arrivata la replica di Ceccarelli.

"Basta vada a rileggersi atti o mie dichiarazioni è vedrà che ciò che lei sostiene è dettato dalla sua fantasia – prosegue il consigliere regionale del Partito Democratico – già nel 2015 all’atto della presentazione del primo studio che avevamo commissionato congiuntamente con la regione Umbria con l’assessore Chianella il comunicato diceva cose diverse da quelle che mi attribuisce la Spensierati". "All’epoca i risultati vennero presentati con oggettività a tutti i comuni ed alle Camere di Commercio – aggiunge Ceccarelli – delle 5 localizzazioni in linea prese in considerazione quelle che avevano maggiori requisiti erano sicuramente le 2 (Creti e Rigutino)". "Ma non fosse altro per lo scambio ferro-ferro e per il maggior numero di passeggeri potenziali Rigutino appariva la migliore – chiosa l’ex assessore regionale – vero che l’Umbria che stava redigendo il piano dei trasporti inserì quella localizzazione nei propri atti. Come si può ben comprendere – spiega Ceccarelli – bastava recuperare le informazioni corrette e veritiere per avere un quadro rispondente alla verità". "Credo che sulla base delle controdeduzioni presentate in questi giorni dai tecnici incaricati dal comitato Sava, sarà forse lei a dover cambiare opinione", conclude Ceccarelli.