Sgarbi,tour di fine anno. Sopralluogo in tre paesi. Il progetto di una mostra dedicata al Rinascimento

I 31 ha fatto tappa alla Collegiata, poi al museo della Pieve vecchia, passando per Santucce, Museo e poi al Santuario Del Bagno. Poi di nuovo in auto: direzione Marciano e di seguito Lucignano. .

Sgarbi,tour di fine anno. Sopralluogo in tre paesi. Il progetto di una mostra dedicata al Rinascimento
Sgarbi,tour di fine anno. Sopralluogo in tre paesi. Il progetto di una mostra dedicata al Rinascimento

Non ha aspettato la mezzanotte per brindare al 2024, a l’ultimo dell’anno del sottosegretario alla cultura, Vittorio Sgarbi, è targato Valdichiana. L’obiettivo? Un sopralluogo tra le bellezze rinascimentali dei borghi chianini da legare insieme in una mostra in itinere che prenderà il via nell’anno appena iniziato. Si sà, l’onorevole ormai è un habitué delle nostre zone e anche per salutare il 2023 il critico d’arte ha deciso di improvvisare uno dei suoi classici tour culturali animati dallo spirito della zingarata alla Amici Miei che lo ha portato in giro tra i musei e luoghi d’arte della Vallata.

Il cicerone è stato anche stavolta il sindaco di Castiglion Fiorentino, Mario Agnelli, ormai amico di vecchia data che non si tira indietro quando l’amico Vittoria lo avvisa - mai con il giusto preavviso - di una capatina in terre d’Arezzo. Il professore è arrivato il 30 sera dove ha fatto tappa a Sansepolcro e al museo civico della città dove è stato accolto dal primo cittadino Fabrizio Innocenti. Dopo la visita Sgarbi ha salutato tutti dicendo loro che sarebbe tornato a Roma. Ma non sono passati nemmeno 5 minuti che il sottosegretario ha (ri)chiamato l’amico sindaco di Castiglioni avvertendolo che avrebbe soggiornato nel paese del palio. E così altro giro altra corsa. Il 31 dicembre è stata la giornata della Valdichiana partendo proprio dal borgo del Cassero. Prima la visita alla Collegiata, poi al museo della Pieve vecchia, via alla chiesa del Gesù, passando per Santucce e al Museo e dulcis in fundo al Santuario Del Bagno dove il critico d’arte ha contemplato la Madonna del Bagno verso la quale ha detto di voler fare approfondimenti con Don Giuseppe Badii.

Poi di nuovo in auto: direzione Marciano della Chiana dove lo storico d’arte ha voluto vedere l’opera di Bartolomeo della Gatta "Madonna con bambino e Santi", custodita nella chiesa di Santo Stefano e Andrea. E poi non c’è due senza tre: via, verso Lucignano. Qui il sottosegretario ha scelto l’albero della vita di Lucignano per registrare il suo video social per gli auguri, "finiamo l’anno come nessuno, nel luogo più bello del mondo: Lucignano". "E’ l’emblema stesso dell’augurio e della vita - dice Sgarbi - quest’albero l’opposto di una pala eolica (da sempre nemici numero uno per Sgarbi, ndr) un inno a Dio e un auspicio per il nuovo anno". Tour finito? Sì, anche se il sottosegretario avrebbe voluto far visita in Casentino per acquistare i tipici cappotti fatti con il panno casentinese: tappa soltanto rimandata, beninteso. Ma insomma, il blitz diurno del sottosegretario è stato un modo per sentire gli amici amministratori della Valdichiana e anche per fare la quadra sul quel progetto che nel 2024 vorrebbe tenere a battesimo una mostra itinerante e diffusa nei borghi della Valdichiana per valorizzare il proprio patrimonio rinascimentale.