GAIA PAPI
Cronaca

Rotatoria Fiorentina, falsa partenza. Il cantiere apre e inizia a piovere. Chiusa la corsia verso il Casentino

Le ruspe hanno iniziato a lavorare ieri mattina: per ora c’è il blocco totale della strada in uscita dalla città. Il livello di tensione è salito rapidamente fra negozianti e residenti della zona: code e rallentamenti.

Rotatoria Fiorentina, falsa partenza. Il cantiere apre e inizia a piovere. Chiusa la corsia verso il Casentino

Rotatoria Fiorentina, falsa partenza. Il cantiere apre e inizia a piovere. Chiusa la corsia verso il Casentino

Le ruspe, ieri, sono arrivate puntuali in via Fiorentina ad indicare come la richiesta di Confesercenti e Confcommercio di far slittare il cantiere a gennaio, non sia stata accolta dal Comune. I lavori sono iniziati, non sotto i migliori auspici, visto che in tarda mattinata ha iniziato a piovere, un bell’acquazzone dopo giorni di siccità.

Pioggia che fa paura a chi teme uno slittamento dei tempi di lavoro. Il timore che gli interventi per la realizzazione della maxi rotatoria scavallino il mese previsto, lo stop è infatti fissato per il 17 novembre. E c’è di più. Uno dei capisaldi dell’accordo a cui Comune e associazioni di categoria erano giunti: non chiudere del tutto il passaggio e lasciare una corsia che da via Fiorentina permettesse di arrivare all’incrocio e svoltare a destra verso il centro commerciale, la multisala e il Casentino, sembra non reggere.

La strada, ieri mattina, infatti è stata chiusa per permettere la cantierizzazione. Un intervento che si è reso necessario per garantire i movimenti dei mezzi pesanti e per la realizzazione, a breve, di una buca, profonda fino a 7 metri.

Si tratterebbe di una chiusura solo nella fase iniziale dei lavori, appunto quella di allestimento del cantiere. Ma ieri il livello di tensione è salito rapidamente fra i negozianti e i residenti della zona che hanno visto realizzare quanto temuto fino ad allora e che, dopo l’intervento dell’assessore Sacchetti, sembrava in realtà scongiurato. Inoltre si sono già registrate le prime code e i primi rallentamenti.

Mentre i commercianti sperano che di rallentamenti non si parli per i lavori che dovrebbero concludersi, si diceva, il 17 di novembre, proprio alla vigilia del taglio del nastro della Città del Natale che porterà grande movimento di traffico, aumenteranno le auto degli aretini e a queste si aggiungeranno quelle dei turisti in arrivo in città. Una tempistica che l’assessore Marco Sacchetti ha chiesto alla ditta appaltatrice di ridurre, mettendo in campo più forze lavoro e un maggior numero di turni.

"L’invito che ho rivolto a tutti è quello di cercare di essere il più possibile veloci nei lavori anche con l’impiego di più turni, con l’obiettivo di ridurre il tempo di esecuzione valutato dai tecnici in un mese", aveva spiegato l’assessore dopo il sopralluogo effettuato lunedì con il comandante della Polizia locale Aldo Poponcini e i tecnici del Comune.