La scuola dell’accorpamento. Menichella difende la decisione:: "Benefici da un’offerta più ampia"

Così l’assessore evidenzia come c’è stata la svolta, passata la paura della fusione con istituti di altri Comuni

La scuola dell’accorpamento. Menichella difende la decisione:: "Benefici da un’offerta più ampia"

La scuola dell’accorpamento. Menichella difende la decisione:: "Benefici da un’offerta più ampia"

di Claudio Roselli

Sociale e istruzione: non manca di certo nemmeno adesso il lavoro per Mario Menichella, assessore del Comune . Per ciò che riguarda il primo capitolo, le politiche sono delegate all’Unione Montana dei Comuni della Valtiberina, anche se esigono una presenza continua del suo assessorato. "A questo proposito – dice Menichella – sono soddisfatto di aver ottenuto uno stanziamento di 45mila euro dal bilancio comunale, somma da passare all’Unione per il ‘fondo affitti’. Pertanto l’amministrazione comunale ha deciso di destinare, ai soli residenti in che con Isee basso risultino locatari in regola con i pagamenti, una somma che per importo sia quasi equivalente a quella degli anni passati. In tal modo, si va incontro ai locatori e si evita che le procedure di sfratto continuino ad aumentare. Altri 30mila euro sono stati trasferiti per i contributi per il pagamento della Tari. Non mancherà, infine, il sostegno per le utenze deboli (relative ad acqua, metano ed energia elettrica), ad integrazione di quanto già erogano Nuove Acque e Inps".

Parlando di scuola, con il nuovo istituto di istruzione secondaria superiore "Città " vi saranno vantaggi a lunga scadenza? "Nei giorni scorsi non abbiamo fatto mancare la solidarietà del Comune al preside, a tutti gli operatori e agli studenti del liceo Giovagnoli. Stiamo valutando, inoltre, quale strada seguire per far rivedere la mappatura ministeriale che classifica comune ‘intermedio’ e Cortona ‘periferico’, ben lontana dalla realtà. Nello stesso tempo con la conferenza zonale dell’11 dicembre scorso ci siamo messi al sicuro che il Giovagnoli non venga accorpato a scuole di altri Comuni. La fusione con il liceo Città di Piero porterà ’anno prossimo a un unico e nuovo istituto che nella denominazione appunto di iiss indicherà i diversi indirizzi. I genitori, quindi, sono rassicurati: potranno scegliere liberamente e optare per gli indirizzi professionali o artistici dell’attuale ‘Giovagnoli’. Se in questa spiacevole vicenda vogliamo vedere un aspetto positivo, osserviamo che le dimensioni del costituendo istituto sono ideali dal punto di vista dei numeri, nel senso che garantiscono stabilità e un più facile ottenimento di finanziamenti".