Scuolabus (foto di repertorio)
Scuolabus (foto di repertorio)

Arezzo, 11 maggio 2019 - Si chiama Romano Carletti l’angelo di Montemignaio, ha 84 anni e vive nella minuscola frazione di Consuma, sul crinale del passo a metà tra le province di Arezzo e di Firenze. In questo pugno di case diviso a metà, Romano abita nella parte aretina mentre in quella fiorentina ci sta la famiglia di un boscaiolo macedone: babbo, mamma e tre figli. Il più piccolo ha 6 anni. Cieco.

Dalla Consuma i bimbi vanno a scuola a Pelago, il centro più vicino. Da lì ogni giorno parte il pulmino che prende i bambini e li porta sull’altro versante, li prende tutti ma non il figlio del taglialegna: questione di sicurezza, non è attrezzato per garantire il passaggio a un piccolo cieco.

Ma entra in scena Romano. Lui, ex dipendente dell’Enel diventato imprenditore (ha creato proprio sul passo il locale «Allo Chalet»), ha un cuore grande così. Nonostante il carico degli anni, tutte le mattine ci pensa lui: preleva il bimbo a casa, lo porta a Pelago e torna a Montemignaio. A fine mattinata lo stesso viaggio, in tutto 60 chilometri di tornanti a ogni dì che il Signore manda in terra.

Non parla Romano, «queste cose si fanno e non si dicono» ha candidamente confidato al sindaco del piccolo paese casentinese Roberto Pertichini. E si stupisce di come la storia sia venuta allo scoperto, pubblicata ieri dal Corriere Fiorentino. Non se l’aspettava anche se, indirettamente, è stato proprio lui a innescare la miccia.

Aveva partecipato a Pelago a un incontro politico con Fabio Venneri, ex assessore di Rignano, e alla fine gli aveva detto: tutte belle parole, ma perché nessuno dà un mano a questo figliolo? E da lì è diventato un personaggio suo malgrado.

Già, perché nessuno si è mai mosso? In realtà la storia è assai più complicata, a cominciare dallo status della famiglia del bimbo cieco, in Italia con un permesso turistico. In sostanza, la famiglia è come se non ci fosse. Ma non per questo si può dire che i comuni di Montemignaio e di Pelago si siano disinteressati alla vicenda.

Il sindaco Pertichini: «Il mio Comune si è mosso eccome, altrettanto ha fatto quello di Pelago. Abbiamo anche allertato le assistenti sociali per stare accanto alla famiglia. Quanto a Romano Carletti, gli faccio un applauso lungo da qui alla Sicilia, il suo gesto è encomiabile».

Non si ferma Pertichini: «Romano è venuto più volte in Comune per chiedere l’interessamento verso il piccolo e noi ci siamo prestati anche se la questione è purtroppo rimasta aperta. Ma da tempo non lo vedevo più, poi ecco la storia che viene fuori e la vicenda che va evidentemente risolta.

Ho subito chiamato Romano, fatti intervistare, racconta a tutti quello che fai. Ma lui niente, anzi si è proprio arrabbiato perché non voleva che se ne parlasse. Adesso per prima cosa dobbiamo superare gli ostacoli del soggiorno, è il modo per aiutare concretamente questo bimbo sfortunato».