Elezioni, sei Comuni al test del voto. Mandò e Brogi tra i big papabili

Grandi manovre per la scelta dei candidati. A San Giovanni Vadi al bis. Le altre partite sono tutte aperte

Elezioni, sei Comuni al test del voto. Mandò e Brogi tra i big papabili

Elezioni, sei Comuni al test del voto. Mandò e Brogi tra i big papabili

Si aprono mesi decisivi per la politica del Valdarno. A giugno si andrà a votare per eleggere sindaco e consiglieri comunali a San Giovanni, Terranuova, Bucine, Cavriglia, Loro Ciuffenna e Castelfranco Piandisco. Siamo ancora in alto mare quasi dappertutto.

L’unico candidato certo di presentarsi è Valentina Vadi, che cercherà il bis nella città di Masaccio, appoggiata dal centro sinistra. A San Giovanni tutto tace sul fronte centro destra, mentre si parla di un possibile accordo elettorale tra le liste civiche e l’ormai ex terzo polo, formato da Azione e Italia Viva. In quel caso verrebbe trovato un candidato civico e unitario. I 5 Stelle, alla fine, potrebbero presentarsi anche da soli e non è escluso che Tommaso Pierazzi decida di ricandidarsi.

A Terranuova la situazione è molto complicata. L’attuale vice sindaco Mauro Di Ponte ha chiesto le Primarie, ma il Pd non ha ancora deciso e potrebbe farlo nel corso della prossima assemblea, che si dovrebbe tenere questo mese di novembre. Ma non è per niente scontato che la proposta di Di Ponte passi, tutt’altro, e all’interno del partito ci sono prese di posizione diverse. E’ in atto, insomma, una spaccatura e ci sarà da lavorare molto per ricucire la tela.

Nel caso non ci fossero le Primarie, potrebbe essere scelto un altro candidato, che magari possa andare bene anche alla sinistra, ai civici e ad Azione. Ma in quel caso Di Ponte cosa farà?

A Castelfranco Piandiscò, invece, hanno preso il via i tavoli di incontri promossi e organizzati dal Partito Democratico con le componenti della società civile, per condividere la visione e i progetti legati al territorio e prepararsi al meglio al prossimo appuntamento elettorale. "Prendendo spunto dal lavoro svolto dall’attuale maggioranza, vogliamo proporre al giudizio dei cittadini un progetto di ampio respiro per la prossima legislatura amministrativa, coinvolgendo la gente, personalità di spessore, gli organismi della società civile che costituiscono l’ossatura del nostro territorio – ha detto Silvia Lentucci, segretario comunale, che ha parlato a nome del gruppo Dem – Vogliamo condividere le scelte sul prossimo programma e le candidature, a partire dal futuro sindaco e la squadra che lo sosterrà. Tra i nomi che fanno quelli di Massimo Mandò, ex direttore dell’emergenza urgenza della Asl Toscana Sud Est, ma ci potrebbero essere anche altri papabili tra cui Filippo Casini, attuale assessore.

A Loro Ciuffenna si parla di Nicoletta Cellai, che è in giunta con il sindaco Botti, ma anche Enzo Brogi potrebbe essere della partita. Da più parti gli è stato chiesto di candidarsi. A Cavriglia il nome del candidato sarà annunciato quando si saprà con certezza se avremo o no il terzo mandato per i sindaci dei comuni sotto i 15mila abitanti. A Bucine probabile il bis per Nicola Benini.