Via Malpighi, la protesta
Via Malpighi, la protesta

Arezzo, 6 febbraio 2017 - “Via Malpighi è solo la punta dell’iceberg”. Per questo so è ritenuto opportuno fare un focus sulla problematica amianto con un evento lanciato da Cgil e Sunia in programma il 17 febbraio alle 21 alla Borsa Merci.

Oltre alle recenti vicende che hanno riguardato via Malpighi, dove in seguito al maltempo le coperture si sono rotte e si sono sparse tra le terrazze ed i giardini. Nel così detto “Fabbricone”, la vecchia Sacfem del Gruppo Bastogi, l’amianto era uno degli elementi più utilizzati nella costruzione di carrozze per treni.

Tutt’oggi vi è una battaglia legale portata avanti in particolare dall’Avv. Guido Cosulich il quale prenderà parte all’iniziativa, assieme al Dott. Arthur Alexanian chimico industriale esperto in materia e che meglio rappresenterà le caratteristiche di questo materiale che ha “invaso” i nostri territori.”

E’ proprio con questa storia che inizierà l’incontro pubblico della Borsa Merci, seguirà un’accurata spiegazione scientifica sull’amianto e sui danni che causa per entrare poi nel merito della situazione attuale e generale. Sarà presente anche l’onorevole Alberto Zolezzi, esperto in materia e relatore della recente proposta di legge presentata in parlamento sul problema amianto curata dal suo gruppo parlamentare (M5S), il quale potrà offrire un quadro nazionale a riguardo e, in particolare, far comprendere la proposta e il suo iter. Alla Cgil spetterà poi il compito di fare il quadro in provincia di Arezzo e ad Sunia quello di fare il punto della situaizone del caso di Via Malpighi, dove il comitato dei residenti chiede da anni la sostituzione della copertura in amianto.