Sarzana, 22 novembre 2017 - Marito e moglie attempati: professione truffatori. Abili, scaltri nonostate l’età; lui,  E.C., 83enne, originario di Napoli; lei  S.M., di 65 anni, proveniente da Brescia. Entrambi sono residenti  da anni a Montecatini Terme. Anziani dunque, che prendevano di mira  i loro coetanei.

Fra le loro mete c’erano gli uffici postali, il giorno della riscossione della pensione. A Sarzana nell’ufficio Pt di via Landinelli hanno mirato la loro «vittima», l’hanno derubata, ma hanno commesso un grave errore. Per cercare di non farsi notare hanno effettuato operazioni postali.

Sbaglio fatale che ha permesso agli investigatori del commissariato di Sarzana, coordinati dal vice questore Gianluca Fargnoli di risalire agli autori del furto. Tutto inizia alcuni giorni fa quando un’anziana sarzanese è arrivata disperata al Commissariato sostenendo di essere stata vittima di un furto.

Le erano stati rubati 500 euro la somma della pensione che aveva appena riscosso all’ufficio postale. I poliziotti sarzanesi hanno per prima cosa visionato le telecamere interne dell’ ufficio postale, fra l’altro in quel giorno era poco affollato ed è stato possibile dunque agli agenti individuare quella coppia di anziani dall’apparenza innucua che stava però puntando la loro «vittima». Si muovevano con sicurezza, visto che erano esperti nel settore; gli investigatori  hanno però accertato che la coppia  si era avvicinata a uno sportello ed aveva effettuato alcune operazioni.

Proprio attraverso quelle operazioni non è stato difficile per i poliziotti del Commissariato arrivare alla loro identità. Il lavoro degli investigatori è  proseguito  poi analizzando molti altri filmati della telecamera interna dell’ ufficio postale  e la coppia è stata rivista all’opera sempre nell’ufficio di via Landinelli un paio d’anni fa. Marito e moglie, secondo quanto hanno accertato i poliziotti del Commissariato,  hanno un «curriculum nero»  di tutto rispetto per reati contro il patrimonio che iniziano addirittura da 40 anni fa. Nei loro confronti è scattata non solo  la denuncia per due boseggi effettuati a Sarzana, ma sarà anche emesso dal Questore della Spezia il foglio di via che gli impedirà  di fare ritorno nella provincia spezzina.

C.G.