Vercelli, 16 dicembre 2017 – Finalmente ce l’ha fatta. Lo Spezia vince alla penultima chance, la sua prima gara in trasferta della stagione. Lo fa a Vercelli per 2-0, con lo stesso risultato con cui aveva terminato la partita nella scorsa stagione. Decisive le reti nel primo tempo di Granoche e di Forte nella ripresa, comunque il predominio del gioco, al di là della normale voglia di rivalsa dei padroni di casa, è stato spesso nelle mani degli spezzini.

Mister Gallo decide di confermare in toto la formazione che ha battuto al Picco il Foggia venerdì sera, cambiando solo Marilungo con Granoche accanto a Gilardino. Dall’altra parte l’allenatore Grassadonia si affida all’esperienza del difensore e capitano Mammarella e a Vives, in regia dietro al tridente Bifulco, Raicevic e Firenze.

I primi dieci minuti passano senza nessuna occasione con i portieri che non vengono chiamati in causa, poi all’11’ ecco, per fallo di Lopez su Altobelli, la punizione calciata da Mammarella, ma il suo sinistro, per fortuna finisce alto di poco sopra la traversa, anche se Di Gennaro pareva sulla traiettoria. Poi si fa vedere anche lo Spezia al 17’, con Granoche che cerca la conclusione a sorpresa dalla lunghissima distanza, ma Marcone è attento e para. Poi al 20’ ecco Gilardino a cui viene murato il sinistro, mentre Maggiore si butta sulla ribattuta, ma non riesce a colpire. Passano due minuti e Gilardino cede all’indietro ancora per Maggiore, il cui destro viene respinto da Vives ad un metro dalla linea di porta. Sempre Spezia anche al 25’ quando Mastinu stoppa di petto e tira al volo da fuori area, però è centrale e Marcone blocca facile.

Lo Spezia va in vantaggio al 34’: cross perfetto di Lopez dalla sinistra e Granoche supera Mammarella in elevazione, prima di schiacciare di testa alle spalle di Marcone, non esente da colpe sul mancato intervento.

Nella ripresa i padroni cambiano subito qualcosa in avvio perché Grassadonia leva Bifulco e piazza dentro Vajushi (entrambi punte esterne). Sfiorano il raddoppio gli spezzini allì8’: destro al volo in area di Maggiore sul cross deviato dalla sinistra, ma Marcone  è bravissimo. Lo Spezia prende campo e chiude gli avversari nella loro metà campo. I piemontesi ci provano con Castiglia al 12’, con un destro debole in scivolata, che supera la traversa. Non aggancia il tiro-cross dalla sinistra di Morra, al 18’, Raicevi e l’azione sfuma. Poi sessanta secondi più tardi è Morra a divorarsi il pareggio dopo un errore di Terzi: il destro del nuovo entrato, davanti a Di Gennaro, termina fuori alla sinistra del portiere. E al 21’ il sinistro potente e pericoloso di Mammarella dal vertice sinistro dell’area, manda la sfera oltre al montante. La Pro Vercelli cerca il pari con insistenza e così al 29’… lo Spezia raddoppia: Pessina cede a Forte che controlla in area di sinistro e poi con li destro infila l’angolino basso, colpendo anche il palo,  dove Marcone non può arrivare. Ancora vivi i vercellesi che al 31’ rispondono con la staffilata di Vives, ma Di Gennaro devia in corner, poi ancora al 39’ con la cannonata di Mammarella alta e col colpo di testa di Legati su corner al 41’. Però nel tempo di recupero lo Spezia potrebbe fare anche il tris, prima con Forte che si fa parare il tiro da Marcone e poi con De Col che, però, spara alto sul servizio di Forte. Ora lo Spezia vola a 26 punti in classifica e giovedì sera sfiderà l’Avellino al Picco.

Pro Vercelli-Spezia 0-2

PRO VERCELLI (4-3-3): Marcone; Ghiglione, Bergamelli (42’st Polidori), Legati, Mammarella; Altobelli (12' st Morra), Vives, Castiglia; Firenze, Raicevic, Bifulco (1' st Vajushi). A disp. Nobile, Berra, Rocca, Konate, Barlocco, Gilardi, Pugliese, Germano, Bruno. All. Grassadonia.
SPEZIA (4-3-1-2): Di Gennaro; De Col, Giani, Terzi, Lopez; Maggiore (37’ st Vignali), Bolzoni, Pessina; Mastinu (24’ st Capelli); Gilardino(17’ st Forte), Granoche. A disp. Bassi, Manfredini, Ceccaroni, Soleri, Augello, Giorgi, Acampora, Marilungo, Ammari. All. Gallo. Arbitro: Minelli di Varese (assistenti Margani di Latina e Rossi di Rovigo; quarto uomo Meleleo di Casarano). Marcatori: 34’ pt Granoche; 29’ st Forte. Note:  Ammoniti Ghiglione, Granoche, Maggiore. Recuperi: 0’ pt e 5’ st.