Firenze, 9 febbraio 2018 – Si aprirà lunedì 12 febbraio alla Stazione Leopolda di Firenze, la Chianti Classico Collection (#ccc18) la due giorni durante la quale, come di consueto, le nuove annate del Chianti Classico vengono presentate ai massimi esperti del settore. Un’occasione unica per conoscere a fondo la denominazione, le sue etichette e le ultime novità di uno dei territori vinicoli più importanti del mondo.

E i numeri della manifestazione sono sempre più importanti: 186 aziende per 659 etichette in degustazione. Un totale di oltre 9000 bottiglie che saranno aperte e servite da una squadra di 50 sommelier alla presenza di oltre 250 giornalisti provenienti da 30 diversi paesi del mondo e più di 1800 operatori, italiani e stranieri. 59 le anteprime da botte dell’annata 2017 e ben 92 le etichette di Chianti Classico Gran Selezione.

“Arriviamo quest’anno a Firenze dopo una stagione difficile – dichiara Sergio Zingarelli, presidente del Consorzio Vino Chianti Classico - che però siamo riusciti a gestire con le migliori armi su cui oggi può contare il viticoltore moderno: la conoscenza profonda del proprio territorio e la capacità di saper aspettare il momento giusto. Così, se da un lato abbiamo dovuto registrare un significativo calo quantitativo nella produzione 2017, spero che la stampa e gli operatori che parteciperanno a questo nostro evento potranno darci conferma della qualità del neonato ’17, proprio dalle primissime anteprime da botte in assaggio in questi giorni.”

“La Collection - prosegue Zingarelli - mette in mostra e al vaglio della critica il nostro lavoro degli ultimi anni, non solo della vendemmia appena passata. Avrete quindi modo di conoscere anche le nuove annate del Gallo Nero pronte, come auspichiamo, a conquistare i mercati di tutto il mondo, come succede da molto tempo. Si può ben dire che il nostro “anno del vino” inizi proprio con la Collection e ritengo doveroso cogliere l’occasione per continuare a sottolineare l’importanza del nostro territorio nei suoi molteplici aspetti, che vanno dalla bellezza paesaggistica alla vocazione enologica, al suo aspetto umano e sociale. L’edizione di quest’anno parla di un grande rafforzamento della denominazione: oltre ai numeri economici, la partecipazione sia da parte dei soci, sia della stampa e degli operatori di settore, segna un record storico”.

Quanto al programma, lunedì 12 febbraio la Collection aprirà le porte alla stampa nazionale e internazionale e, al fine di agevolare i rappresentanti del ramo HoReCa, anche agli operatori di settore a partire dalle 10 fino alle 18, per dar loro la possibilità di incontrare i produttori e testare le diverse etichette in degustazione. Il giorno successivo sarà invece dedicato esclusivamente alla stampa.

Alla Leopolda sarà possibile degustare anche gli oli extravergine di oliva di 23 aziende produttrici di DOP Chianti Classico. E’ prevista, inoltre, la partecipazione istituzionale della Fondazione per la Tutela del Territorio del Chianti Classicoè della Lega del Chianti.

Partner della manifestazione sono anche quest’anno importanti nomi dell’enogastronomia e dell’industria a questa legata, come alcuni dei migliori prodotti DOP italiani che, sotto il cappello istituzionale di AICIG (l’Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche), si presentano al pubblico della Collection attraverso incontri e degustazioni: Consorzio Tutela del Formaggio Parmigiano-Reggiano DOP, Consorzio del Prosciutto Toscano DOP, Consorzio di Tutela della Finocchiona IGP, Consorzio di Tutela Oliva da Mensa La Bella della Daunia DOP, Consorzio per la Tutela del Formaggio Mozzarella di Bufala Campana DOP, Consorzio di Tutela Pecorino Toscano DOP, Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP, Consorzio Tutela Grana Padano DOP. Tra i collaboratori storici della “Collection” anche RCR, Firenze Parcheggi,Fieramente,l’Acqua di Toscana® San Felice e Pulltex.

Ilaria Biancalani