Bandecchi: “Minacce da filopalestinesi, adesso giro con la pistola”

Il sindaco di Terni a La Zanzara: “Ho sempre lasciato tutto a casa, sparando al poligono, ma ora ho deciso di portarla dietro”

Il sindaco Stefano Bandecchi

PIANETAFOTO TERNI CONSIGLIO COMUNALE GIUNTA COMUNE GIUNTA BANDECCHI

Terni, 24 ottobre 2023 – Non lascia certo senza argomenti di discussione il sindaco di Terni, Stefano Bandecchi, quando si esprime pubblicamente. Stasera è intervenuto a “La Zanzara” su Radio 24 parlando del conflitto israelo-palestinese: “La storia del conflitto tra Israele e Palestina è iniziata 20mila anni fa, non 80. Il popolo è diviso da una religione e oggi per questa religione qualcuno ha dato fuori di testa. 3500 missili su Israele, morti e rapiti. Oggi bombardamento con più morti in Palestina? Pace. Ribadisco, hanno ucciso tuo figlio sgozzandolo quanto è lecito reagire? Se ammazzassero mio figlio diventerei un animale”. “Israele è l’unica parte di Occidente presente in Medioriente. Ci fanno attentati a Parigi - continua Bandecchi - ci ammazzano a Bruxelles e a Roma ma continuiamo a difendere chi ci ammazza”

“Gli israeliani sono stati fin troppo educati - continua Bandecchi a La Zanzara su Radio 24 - hanno detto a tutti di spostarsi. Quando abbiamo bombardato Berlino non abbiamo mica avvertito nessuno”. “Pena di morte per i terroristi? Non sono mai stato per la pena di morte - prosegue Bandecchi - ma un terrorista lo ammazzo sul posto. Non ci arriva in galera. Minacce? Si, da filo-palestinesi. Fino a una settimana fa viaggiavo senza pistola, ma ora la porto con me. Ho il porto d’armi. Mi sono arrivati messaggi che mi hanno dato del bastardo, del figlio di p…, ti facciamo il mazzo. Ho sempre lasciato tutto a casa, sparando al poligono, ma ora ho deciso di portarla dietro”.