Alice Cecchini col papà Fabio, ‘Dea’ e Lorenzo Tanzi
Alice Cecchini col papà Fabio, ‘Dea’ e Lorenzo Tanzi

Città di Castello (Perugia), 5 novembre 2018 - E’ stata a protagonista indiscussa della gara per cani da tartufo organizzata al Parco Alexander Langer. Alice Cecchini, una ragazzina di 12 anni, con vanghino in mano e il cane «Dea» ha scovato un tartufo di quasi due etti, guadagnandosi così il podio. A promuovere l’iniziativa, nell’ambito del programma della «Mostra nazionale del tartufo bianco» di Città di Castello, è stata l’Associazione Tartufai Alto Tevere.

Il presidente Alessandro Ghigi è intervenuto all’iniziativa insieme al vice presidente Lorenzo Tanzi e al segretario Italo Bianchini in rappresentanza dei circa 600 soci del sodalizio. Ormai il Comune tifernate è diventata una vera e propria «città del tartufo» e lo dimostrano i numeri del settore che attestano la presenza di ben duemila cavatori su 40mila abitanti, oltre tremila cani di razza dal fiuto impareggiabile, aziende leader nella lavorazione e trasformazione del prelibato prodotto e, infine, un indotto occupazionale ed economico notevole che è in continua crescita.

In centro storico ieri è stato l’ultimo giorno con la presenza degli stand che vedevano grande protagonista non solamente il prezioso tubero, ma anche per il salone dell’Olio nuovo che ha attirato numerosissimi visitatori. Tanto spazio è stato dato anche alla solidarietà.

Solidarietà che, in particolare, ha avuto nel volto e nel sorriso della coraggiosa Silvana Benigno il miglior testimonial della campagna per la raccolta fondi a sostegno della ricerca sui tumori portata avanti dalla Fondazione Ieo di Milano. Successo anche per la manifestazione «Sulle note del tartufo bianco» che ha visto protagonisti in qundici diverse postazioni di musica live oltre 150 musicisti.

Un’animazione che ha abbracciato tutto il centro storico nel pomeriggio ma anche nella serata di sabato. Un suggestivo sottofondo in tutto il centro storico e i luoghi della manifestazione.