Guinza, il futuro è cominciato. Finalmente la consegna dei lavori ma non tutti stanno sorridendo

Melasecche: "Apertura prevista entro dicembre 2025. La galleria non sarà più fra le grandi incompiute". I rappresentanti dei comitati hanno però piazzato i loro striscioni e spiegato le ragioni della protesta. .

Guinza, il futuro è cominciato. Finalmente la consegna dei lavori ma non tutti stanno sorridendo
Guinza, il futuro è cominciato. Finalmente la consegna dei lavori ma non tutti stanno sorridendo

"Abbiamo visto i camion arrivare, percorrere con difficoltà la strada provinciale di Parnacciano, in alcuni tratti molto dissestata (con frane e restringimenti tra Lama e Ripole) e non in grado di reggere questo traffico da cantiere, figuriamoci quando verrà aperta la galleria…": sono le voci dei residenti nella valle che circonda la galleria della Guinza da ieri interessata, dopo 30 anni di stop, da nuovi lavori di adeguamento che condurranno, tra il 2025 e il 2026, all’apertura alla viabilità (per ora dalle Marche verso l’Umbria).

Mentre le auto blu coi presidenti delle Regioni e i rappresentanti politici percorrono il tunnel da Mercatello sul Metauro verso San Giustino, i rappresentanti dei comitati piazzano i loro striscioni e spiegano le ragioni della protesta "a partire dal progetto non condiviso e mai illustrato ai territori. Sarà l’ennesimo spreco di soldi pubblici per un’altra incompiuta?".

Interrogativi che aleggiano attorno alla galleria e a questa cerimonia che si è svolta senza sindaci. Non c’era, come aveva annunciato, il primo cittadino di San Giustino Paolo Fratini, non c’era il sindaco di Citerna Enea Paladino e non c’era neanche quello di Città di Castello Luca Secondi (in sua vece l’assessore Riccardo Carletti).

Di fatto oltre alla galleria e al progetto da 130 milioni di euro che porterà all’adeguamento e all’apertura al traffico, in Altotevere la questione si fa difficile poiché c’è da elaborare in via definitiva il passaggio della Due Mari: forse è questo il vero vulnus dato che il commissario straordinario Anas Massimo Simonini sembra indirizzato a un tracciato che non tiene conto delle indicazioni fornite nel tempo proprio dai sindaci.

Lo stesso Simonini ieri ha confermato che "c’è l’individuazione del tracciato" e parla di "progetti in via di definizione".

Tempistiche per l’apertura della Guinza? "E’ prevista entro dicembre 2025 e finalmente questa galleria non sarà più fra le grandi incompiute, simbolo di un’Italia che non va e spreca risorse pubbliche", ha precisato l’assessore regionale Enrico Melasecche aggiungendo che "del consorzio di imprese umbre aggiudicatario dei lavori fanno parte le stesse che hanno eseguito gli interventi di ripristino strutturale del viadotto sulla strada della Contessa, operando con grande serietà e capacità imprenditoriale".

Cristina Crisci