Siena Jazz perde la sua ’anima’. E’ morto Franco Caroni. Fondò l’Accademia musicale

Colpito da un malore mentre si trovava a Follonica, è spirato all’ospedale di Grosseto. Il cordoglio del sindaco e della comunità: "Ha scritto una pagina importante della nostra storia" .

Siena Jazz perde la sua ’anima’. E’ morto Franco Caroni. Fondò l’Accademia musicale
Siena Jazz perde la sua ’anima’. E’ morto Franco Caroni. Fondò l’Accademia musicale

Con la scomparsa di Franco Caroni se ne va un mondo che ha caratterizzato la musica a Siena e in Italia negli ultimi quarant’anni. Un malore lo ha colto nella sua casa di Follonica. Aveva fatto della nostra città un punto di riferimento didattico, lui nato nel luglio del 1949: gli anni del rock, con il Livello 7, e poi la folgorazione per il grande Jazz. Il grande amore della sua vita, assieme a quello per la compagna di sempre, Marcella, unione ravvivata dai tre figli Francesco, Simone ed Elena. Il crocevia della sua carriera è il 1977 con la nascita ufficiale dell’Associazione Siena Jazz. Anni pionieristici a cominciare dalla sede: per arrivare alla consacrazione alla Fortezza Medicea ci vorrà più di un decennio, poi l’inarrestabile marcia verso una consacrazione didattica condita dai più grandi maestri della musica nazionali e internazionali.

Nel 2011 il passo fondamentale che arriva con la firma del decreto ministeriale con cui Siena Jazz viene accreditata come istituzione abilitata a rilasciare titoli accademici di Alta formazione al pari dei Conservatori statali. Nel 2018 la conclusione del percorso con l’autorizzazione del ministero al rilascio di titoli di alta formazione per il conseguimento del Diploma Biennale di specializzazione.

Mangia d’Oro nel 2009, su proposta della Contrada della Tartuca, Caroni fu premiato per "aver costituito una delle più consolidate istituzioni internazionali nel campo della musica Jazz". "Oggi davanti a questa notizia che mai avremmo voluto commentare – parole del presidente Massimo Mazzini – Siena Jazz si stringe al dolore della famiglia per l’improvvisa scomparsa che lascia tutti senza parole. Ricordiamo con affetto e profonda stima il padre fondatore dell’Accademia, uomo di grande coraggio e ingegno, che ha dedicato la sua vita alla cultura e a sostenere la formazione dei giovani, rendendo la città di Siena una delle principali capitali internazionali della musica Jazz".

Cordoglio anche nel Consiglio di amministrazione dell’istituzione musicale, nel Nucleo di valutazione, tra i dipendenti, i docenti, gli allievi di ieri e di oggi. "Purtroppo ci ha lasciato Franco Caroni – questa la nota del sindaco Nicoletta Fabio –. Perdiamo un grande senese, una figura di spicco che ha contribuito a far conoscere la sua città nel mondo con la sua lungimirante idea di fondare il Siena Jazz e di diffondere universalmente la cultura musicale, attraverso la sua amata Accademia. Di certo Siena saprà onorare la memoria di colui che ha scritto una pagina importante della storia di questa comunità. Mi stringo al dolore della famiglia, manifestando le più sentite condoglianze da parte della giunta e dell’amministrazione tutta".

"Con la scomparsa di Franco Caroni Siena, il suo territorio e il mondo del Jazz perdono un protagonista indiscusso della loro storia recente", afferma David Bussagli, presidente della Provincia di Siena, mentre l’ex vicepresidente Lorenzo Rosso scrive: "Sono molto addolorato. Siena, dagli scorsi anni, avrebbe dovuto e potuto fare molto di più per questo suo figlio".

Sono in molti a ricordare Caroni. Il presiente di Ance ed ex vertice dell’Accademia Giannetto Marchettini commenta: "Perdiamo un gigante del Jazz, della cultura e un maestro di vita". L’assessore alle Partecipate Enrico Tucci, l’ex membro del Cda Francesco Giusti, l’ex parlamentare Susanna Cenni, la consigliera comunale Anna Ferretti e l’ex consigliere Pierluigi Piccini, l’ex sindaco Roberto Barzanti, ma anche i musicisti Giovanni Falzone, Nico Gori, Fulvio Sigurtà, Angelo Palmas, Stefano Onorati, direttori di Conservatori, docenti e semplici appassionati. Da oggi la salma di Caroni sarà esposto all’obitorio delle Scotte: dopo la camera ardente di venerdì mattina nella Contrada della Tartuca, sarà portato al cimitero della Misericordia. Siena Jazz sarà chiusa lo stesso giorno in segno di lutto per la perdita del suo fondatore.