Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
4 nov 2021

Mustafa e Lejla, le foto che cambiano la vita

Lo scatto vincitore del Siena Award del turco Aslan ha innescato la raccolta fondi. Come accadde nel 1995 per la ragazza di Sarajevo

4 nov 2021
featured image
featured image
Munzir e Mustafa, i due protagonisti dello scatto 'Hardship of Life'
featured image
featured image
Munzir e Mustafa, i due protagonisti dello scatto 'Hardship of Life'

Ci sono immagini che arrivano dritte al cuore. Passano per la corsia preferenziale delle emozioni. Intercettano la traiettoria dei sentimenti. E sono foto che hanno il potere di cambiare le cose. Salvare vite, anche. Non sempre. Ma a volte succede. È questa la speranza con la quale il Siena Photo Awards ha avviato la raccolta fondi per il piccolo Mustafa, il bambino siriano privo di arti, a causa dei gas respirati dalla madre in un bombardamento aereo. L’immagine, scattata dal turco Mehmet Aslan, esposta all’ex distilleria Lo Stellino, sta facendo il giro del mondo, portando con sé la richiesta d’aiuto della famiglia del piccolo. E la speranza che possa salvargli la vita. Come accadde per un’altra foto, scattata ventisei anni fa. Era il 1995, quando una granata colpì al volto Lejla Jasarevic, una bambina di Sarajevo che aveva dodici anni. Sua madre la raccolse da terra. La sollevò in braccio e si appoggiò sulla spalla la testa della piccola. Il destino le mise di fronte un fotoreporter, proprio in quel momento. Robert King scattò la foto, ritraendo quella bambina ferita, che divenne l’icona di quella guerra. Un’immagine così forte che riuscì a smuovere le coscienze. Tanto che un mese dopo, grazie a una mobilitazione che partì dall’Unità diretta da Veltroni, un aereo della Presidenza del Consiglio trasportò Lejla da Spalato a Siena, dove venne operata da Renato Frezzotti e poi da Desiderio Passali. "Quella foto mi ha salvato la vita – racconta oggi Lejla – le devo tutto. Ero rimasta per tre settimane in ospedale in Bosnia. Avevo la febbre molto alta e non riuscivano a capire perché. Quando mi portarono a Siena, invece, scoprirono che avevo un’infiammazione all’osso. Se non l’avessero curata, sarei morta". Perse l’occhio, ma si salvò. Nei giorni seguenti, anche King arrivò a Siena per andarla ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?