Quotidiano Nazionale logo
2 dic 2021

Il Monte vola in Borsa, i piani per il futuro

Il titolo chiude a +16,7% dopo le indiscrezioni sui negoziati con l’Europa per una proroga di 18 mesi. Le mosse su crediti e rischi legali

Rocca Salimbeni dovrà studiare un nuovo piano per gli esuberi e la chiusura degli sportelli
Rocca Salimbeni dovrà studiare un nuovo piano per gli esuberi e la chiusura degli sportelli
Rocca Salimbeni dovrà studiare un nuovo piano per gli esuberi e la chiusura degli sportelli

"Banca Monte dei Paschi di Siena comunica che sono stati avviati contatti con il Ministero dell’economia e delle finanze, al fine di riavviare le interlocuzioni con DG COMP (Directorate-General for Competition)". Non poteva certo bastare il laconico comunicato diffuso da Rocca Salimbeni l’altra sera, in ossequio agli obblighi Consob, per scatenare la caccia al titolo Mps. Ieri l’azione della Banca ha preso l’ascensore, le negoziazioni sono state stoppate due volte per eccesso di rialzo, è arrivata fino a +19%, per chiudere a +16,73%, sopra i 94 centesimi. A innescare il rally in Borsa, le nuove indiscrezioni sul piano di ristrutturazione che il Ministero dell’Economia sta aggiornando per ripresentarlo all’Europa. Il progetto è ottenere una proroga di 18 mesi per riprivatizzare il Monte dei Paschi. Sfruttando il tempo in più per ripulire la banca dai rischi legali e dai crediti deteriorati, con le cifre messe a bilancio, non quelle evidenziate da UniCredit nella trattativa. Entro aprile 2022 il nuovo piano dovrebbe essere pronto, con le misure compensative richieste dal team di Margrethe Vestager per concedere la proroga al Tesoro. Il Monte dovrà accelerare sugli esuberi e sulla chiusura delle filiali, rispettando i tetti sulla rete commerciale e sul personale. Contemporaneamente il Ministero dell’Economia girerà a Fintecna, società del gruppo Cassa Depositi e Prestiti, i circa 6 miliardi di ’petitum’ per le cause, con le somme già accantonate a bilancio. Si creerebbe una ’newco’ , che oltre ai contenziosi legali avrebbe una fetta di attivi del Monte, modello operazione Hydra sui crediti deteriorati. Stesso schema che sarà seguito per i 4 miliardi di euro lordi di npl, iscritti nei conti Mps, da cedere ancora ad Amco, che aveva già preso 8,5 miliardi. Sia Amco che Fintecna hanno stretti legami con il Tesoro, quindi le operazioni di cessione sarebbero più agevolate. A Rocca Salimbeni toccherà negoziare ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?