Premio Stelle dello Spettacolo: la festa del talento nel Chianti Senese

Presentata a Palazzo Pegaso la quarta edizione della serata che premia grandi nomi e stelle emergenti del mondo dello spettacolo italiano

Marco Predieri, direttore artistico del premio

Marco Predieri, direttore artistico del premio

Firenze, 19 luglio 2023 - Una vetrina per le eccellenze dello spettacolo e del territorio. Era l'agosto del 2020, quando nei mesi più duri della pandemia l'attore e regista Marco Predieri e l'imprenditrice Laura Cellerini decisero di riaccendere i riflettori sul mondo dello spettacolo dal vivo ideando una manifestazione che divenne un caso nazionale. Oggi il Premio Stelle dello Spettacolo, giunto alla quarta edizione, è un'autentica festa del talento, un momento di formazione ed incontro tra generazioni di artisti, ed un modello di turismo di qualità e sviluppo sostenibile.

L'edizione di quest'anno, patrocinata da Regione Toscana, attira i protagonisti del mondo del teatro, della politica e dell'imprenditoria in un luogo affascinante e suggestivo, il borgo medievale di San Gusmè (Castelnuovo Berardenga), circondato ancora dalle mura medievali e immerso tra le vigne lussureggianti del Chianti Senese: un posto speciale per una serata unica, che sabato 5 agosto abbina a ciascun ospite premiato vini, profumi e sapori offerti dall'Azienda San Felice, uno dei più prestigiosi marchi enologici del territorio.

Ma c'è tanta Toscana anche tra gli artisti che saliranno sul palco: i premi alla carriera andranno infatti al livornese Maurizio Micheli, uno dei protagonisti della commedia italiana, e al fiorentino Beppe Dati, compositore prolifico e firma di testi indimenticabili come "Gli uomini non cambiano" di Mia Martini e "Cirano" di Francesco Guccini. 

Tra gli altri riconoscimenti, il Premio Speciale Cinema, Teatro e Televisione sarà consegnato a Dora Romano, reduce da una stagione straordinaria a teatro con "Lillo e Greg" e co-protagonista su piccolo e grande schermo di serie e film di successo come "L'amica geniale", "Imma Tataranni" e "E' stata la mano di Dio"; e poi il Premio Stella della Commedia a Benedicta Boccoli, quello per la drammaturgia, attribuito alla poliedrica e graffiante regista Cinzia Berni, e il Premio "Poesia d'attrice" Federico Fellini, che celebra una delle grandi caratteriste del panorama nazionale, Daniela Airoldi, già notata dal maestro riminese per il suo ultimo film "La voce della luna", e recentemente impegnata con Frank Matano e Massimo Popolizio nel fantasy satirico di Luca Miniero "Sono tornato". 

C'è spazio anche per le rivelazioni dell'anno, dedicate al talento emergente della cantautrice SindroMe e dell'attrice Danila Stalteri, mentre un tributo particolare è rivolto allo straordinario lavoro di artigianato di scena della Compagnia delle Formiche, attualmente tra i principali soggetti di produzione dei grandi musical e dei family show che girano la penisola.