Prato, dalla fine del 2023 stanziati dal Comune per il post alluvione 11,6 milioni di euro

Approvata l'ultima variazione al bilancio di previsione

I danni nell'alluvione nel Pratese

I danni nell'alluvione nel Pratese

Prato, 22 marzo 2024 - E' stata approvata in data odierna dal Consiglio Comunale l’ultima variazione al Bilancio di previsione 2024-2026 con 19 voti favorevoli (Pd, Biffoni sindaco, Demos, Lo sport per Prato, Consiglieri indipendenti) e 7 astenuti (M5S, FdI, Noi Moderati e Lega). Anche questa variazione, come la precedente di fine anno, contiene un importante stanziamento di risorse del Comune per finanziare gli interventi post alluvione.

Come ha spiegato l'assessora al Bilancio Benedetta Squittieri nella sua illustrazione, si tratta infatti della terza tranche di fondi comunali dopo il 2 novembre - due sul bilancio 2023 e una, questa, sul bilancio 2024 - per finanziare il ripristino dei danni provocati dalle inondazioni: in tutto dal Bilancio comunale sono stati destinati 11,6 milioni di euro per i danni provocati dagli allagamenti.

"La variazione stanzia ulteriori 2.600.000 euro per interventi di grande importanza (ndr: nella variazione approvata a dicembre 2023 erano 7,1, più 980 mila euro per gli interventi di somma urgenza a novembre subito dopo l'alluvione) , come quelli al cimitero di Chiesanuova, ma anche la ricostruzione del nido Arcobaleno dopo l'incendio che l'aveva devastato - ha affermato Squittieri - Per noi è stato fondamentale essere riusciti ad approvare il Bilancio di previsione già all'inizio dell'anno, molto in anticipo rispetto ai tempi consueti della Pubblica Amministrazione, perché questo ci permette appunto di poter effettuare delle variazioni necessarie per realizzare gli interventi e quindi garantisce l'operatività dell'ente fin da subito anche nella fase finale della legislatura e anche alla sua ripartenza dopo le elezioni".

Quindi i ringraziamenti: “Ringrazio gli uffici comunali e la Commissione Consiliare 2 presieduta da Lorenzo Tinagli per il lavoro che hanno svolto in questi anni, un lavoro che ci ha supportato nella costante attenzione che abbiamo avuto nell'amministrare le risorse pubbliche, permettendoci buoni margini di manovra e di ‘assorbire’ il colpo di un finale di legislatura non proprio leggero, senza contare il Covid, facendo comunque investimenti in opere pubbliche e in servizi ai cittadini". In particolare 1.350.000 sono destinati ai lavori di pulizia e ripristino del cimitero di Chiesanuova e altri 650.000 per messa in sicurezza di argini e adeguamento dei tratti tombati di fossi e torrenti. Sono inoltre stati stanziati 210.000 euro per consentire il completamento dei lavori e l’allestimento degli arredi del nido Arcobaleno in tempo utile per l’inizio del nuovo anno educativo; 30.000 per alcuni interventi di risanamento e parziale rifacimento di locali del nido La Querce e della scuola secondaria Zipoli (30.000); 30.000 per l’illuminazione del Parco delle Neofite, circa 85.000 per interventi stradali per il miglioramento della sicurezza stradale e 200.000 per contributi per il restauro di chiese e centri civici.