Francesco Pannofino
Francesco Pannofino

Firenze, 20 giugno 2019 - Toscana sempre più terra di set di film e fiction. Con l'estate, in collaborazione con Toscana Film Commission, saranno tanti i registi che sbarcheranno in varie zone della regione per le riprese. D'altronde, da sempre la Toscana ha ispirato pellicole per il cinema e la tv.

Quest'estate 2019 lo conferma. Un importante incentivo alle produzioni nella regione proviene dal programma di investimenti pubblici in cultura, Apq Sensi Contemporanei Toscana per il Cinema, che negli ultimi anni ha consentito di istituire dei bandi dedicati allo sviluppo delle opere audiovisive.

Lo scorso anno, grazie ad un bando dedicato al cinema documentario, sono state sostenute 15 nuove opere, due delle quali sono state selezionate ad un prestigioso festival, il Biografilm di Bologna, appena conclusosi: Kemp, di Edoardo Gabbriellini, racconto intimo del noto mimo e ballerino Linsday Kemp e La scomparsa di mia madre, di Beniamino Barrese, sulla figura della modella, famosa negli anni '60, Benedetta Barzini, quest'ultimo film presentato con successo anche allo scorso Sundance Film Festival.

Per le nuove produzioni, è in lavorazione in questi giorni un nuovo tv movie prodotto da Massimiliano La Pegna per Movieheart in collaborazione con Rai Fiction su Enrico Piaggio, dal titolo Piaggio. Un sogno italiano, diretta da Umberto Marino, le cui riprese, iniziate lunedì 17 giugno a Roma, arriveranno in Toscana a fine mese, andando ad interessare Pontedera - sede della storia Casa di motocicli - la villa Tenuta di Varramista e piazza dei Miracoli a Pisa.

I casting si sono svolti nei giorni scorsi a Manifatture Digitali Cinema Pisa, dove si sono presentati in più di mille per aspirare ad un ruolo di comparsa o figurante nella serie tv che sarà trasmessa su Rai Uno, probabilmente nella primavera 2020.

Nel cast, nei panni di Enrico Piaggio, figura Alessio Boni, che recita a fianco di Francesco Pannofino, Violante Placido, Roberto Ciufoli, Giorgio Gobbi e Enrica Pintore.

Anche per quanto riguarda i lungometraggi di fiction, grande fermento in Toscana, con i set di tre nuovi film: Europa, di Haider Rashid, Glassboy, di Samuele Rossi e Vi voglio cattivi, di Andrea Muzzi. Prodotto da Radical Plans e sostenuto dal programma Sensi Contemporanei Toscana per il Cinema, Europa, di Heider Rashid, è un thriller politico che racconta la storia di Kamal, un uomo siriano che, nel tentativo di entrare in Europa attraverso il confine fra Bulgaria e Turchia, viene catturato dalla polizia bulgara.

Dopo essere riuscito a fuggire, ferito e inseguito come una preda dal leader dei ''cacciatori di migranti'', si trova a vagare per tre interminabili giorni e tre interminabili notti, nella foresta. Qui, in un luogo dove le leggi non esistono, dovrà lottare per la sua sopravvivenza contro la ferocia di un aguzzino.

Le riprese del film inizieranno dalla metà di luglio, nella zona di Arezzo

Il regista toscano Samuele Rossi (che nelle vesti di produttore ha appena finito le riprese del documentario Al Mugello non si dorme, di Marta Innocenti, tra i documentari vincitori del Bando di Sensi Contemporanei 2018) sta invece lavorando a Glassboy, il suo secondo lungometraggio, prodotto da Solaria Film, PeacockFilm e WildArt Film, con la collaborazione di Echivisivi e DnArt Produzion, e il sostegno di RaiCinema, Mibac, Eurimages e del programma Sensi Contemporanei Toscana per il Cinema.

Qui siamo in una piccola cittadina ai piedi delle montagne dove Pino, un bambino di 12 anni, affetto da emofilia, costretto a passare le sue giornate rinchiuso nella grande e oppressiva villa di famiglia, decide di provare a cambiare vita. Stanco dei giorni che si ripetono sempre uguali, decide di sfidare la sua fragile condizione di salute, le paure dei genitori e della dispotica nonna materna. L'incontro con i 5 ragazzi della Banda della Piazza Vecchia, il gruppo di ragazzini del quale sogna di far parte, cambierà la sua vita.

La comicità toscana di Andrea Muzzi sarà protagonista del film Vi voglio cattivi, scritto insieme con Ugo Chiti. Prodotto da Giallo Limone Movie, il film vede protagonista lo stesso Muzzi, nelle vesti di un allenatore di una piccola squadra di calcio giovanile, che cerca di insegnare ai bambini i valori dello sport, nonostante le interferenze negative e l'antagonismo dei genitori.

Nel cast, anche Donatella Finocchiaro e Fabio Troiano. Le riprese del film inizieranno il 25 luglio a Malta, per poi spostarsi a Roma e arrivare in Toscana, a Montecatini Terme e ad Aulla. Una grande opportunità per chi vuole realizzare nuovi film viene ancora una volta dal programma Sensi Contemporanei Toscana per il Cinema: è infatti online, sul sito di Toscana Film Commission (www.toscanafilmcommission.it), il Bando Mecenate, che ''si propone, di supportare la filiera produttiva sostenendo la realizzazione di storie e vicende umane legate al contesto toscano, anche ispirate a fatti realmente accaduti, in grado di promuovere valori di carattere universale capaci di coinvolgere gli spettatori le cui storie pongano al centro le unicità di carattere paesaggistico-ambientale del contesto regionale, la loro relazione con i beni culturali e le forme espressive delle arti, e come questi elementi siano stati in grado di generare-anche attraverso il forte ruolo esercitato dalla committenza e dal mecenatismo - forme di sviluppo sociale ed economico''. Tre le tipologie di opere che potranno essere finanziate dal Bando Mecenate: lungometraggi di finzione, a principale sfruttamento cinematografico, film tv e serie tv di finzione.