San Miniato, 15 marzo 2018 - Alla data di scadenza del prestito le obbligazioni «Carismi 5,25% 2014-2019 subordinato con facoltà di rimborso in azioni» in circolazione saranno rimborsate in contanti al loro valore nominale. Lo rende noto la Cassa di Risparmio di San Miniato, ora guidata da Divo Gronchi, passato da Amministratore Delegato a presidente, spiegando in una nota che il cda della banca «ha confermato il proprio impegno irrevocabile a non procedere al rimborso del prestito mediante la sua conversione in azioni». 
Intanto prosegue il cammino della Carismi in Cariparma Credit Agricole che si concluderà con la fusione della banca sanminiatese «salvata» dopo una lunga crisi e due bilanci in rosso a doppia cifra. L’acquisizione delle casse di Risparmio di Cesena, Rimini e San Miniato ha permesso al gruppo Crédit Agricole Italia di superare i 2 milioni di clienti.