Angelo Manganese del ristorante Rosso mostra da dove sono passati i ladri
Angelo Manganese del ristorante Rosso mostra da dove sono passati i ladri

Pontedera, 19 aprile 2019 - Due furti e un tentato furto tra piazzetta del Teatro e via Rossini, in pieno centro a Pontedera. I locali sono a meno di cinquanta metri di distanza, due, il Rosso e il Vivo, confinanti. E’ qui che nella notte tra mercoledì e giovedì 18 aprile, i malviventi sono riusciti a entrare e rubare i soldi del fondo cassa.

Qualche decina di euro, ma danni più ingenti per la sostituzione dei vetri rotti e per rinforzare le porte, come nel caso del ristorante Rosso i cui titolari hanno dovuto chiamare un fabbro per rinforzare le sbarre a protezione dei vetri dell’entrata. «Avevamo fatto mettere queste specie di griglie – dice Angelo Manganese, uno dei titolari – e un ferro massiccio fermato a due ganci con i lucchetti. Pensavamo di essere al sicuro. Invece non è stato così. I ladri hanno divelto il vetro più in basso, alto più o meno trenta centimetri e sono riusciti a entrare. Sicuramente una persona esile e agile. Sembra quasi che siano riusciti a far cadere il vetro forzando i supporti in ferro. Non possiamo andare avanti così. Questa gente deve essere presa, portata in carcere e farcela stare per un po’ di tempo. In una notte hanno rubato in due locali, da noi e qui accanto e provato a entrare in un altro a neanche cinquanta metri di distanza, in pieno centro. Come è possibile una cosa del genere?».

Accanto al rosso c’è il locale «Vivo-sorsi, bocconi, libri, idee». «Stanotte abbiamo ricevuto una visitina poco gradita – il commento della proprietaria Bianca Zaccagnini – Hanno rotto un vetro e sono riusciti a entrare portando via i pochi spiccioli lasciati in cassa e il telefono cellulare. Per fortuna il danno è stato contenuto, tutto si può aggiustare. Più che altro ci siamo rimasti male».

Anche al Vivo il ladro è riuscito a passare da una finestrella molto piccola e stretta, posizionata alla base della porta di ingresso, al pari della piazza antistante. Al Portone Pazzo, storico locale del centro di Pontedera, in piazzetta del Teatro, a poche decine di metri dagli altri due derubati, i malviventi hanno provato a sfondare il vetro della porta di ingresso, ma non ci sono riusciti. Il vetro, nella parte interna, è scheggiato, ma non ha ceduto e quindi il furto è stato «solo» tentato». Tre colpi in una notte in un fazzoletto del centro non sono un bel segnale. I tre episodi sono stati denunciati ai carabinieri che hanno avviato le indagini per cercare di individuare gli autori. Non è facile, ovviamente, perché in zona c’è una telecamera privata, ma è piuttosto distante e non è detto che i ladri vi abbiamo transitato vicino per raggiungere i locali che poi hanno derubato.

gabriele nuti