Abetone Dynamo Trail (foto Regalami un sorriso onlus)
Abetone Dynamo Trail (foto Regalami un sorriso onlus)

Abtone (Pistoia), 28 agosto 2019 - Sui sentieri appenninici dell’Abetone e sulla distanza di 17 chilometri, con un dislivello di 1.500 metri, si è svolta la nona edizione dell'Abetone Dynamo Trail, organizzato da Pool Firenze, Silvano Fedi Pistoia e il negozio ‘’Il Campione’’ di Prato, che ha visto alla partenza circa 200 concorrenti.

La vittoria assoluta maschile è andata al modenese Giulio Piana (Team Mud e Snow) con il tempo di 1h50’16’’, distaccando di 2’22’’ Filippo Carloni (Folgore Team Paracadutisti) e di 14’03’’ Daniele Mantovani (Runcard), quarto Denis Colò (Orecchiella Garfagnana) e quinto Fabio Capecchi (Silvano Fedi).

Tra i veterani uomini primo posto per Daniele Clementi (Circolo Ricreativo Solway) in 1h59’59’’, seconda posizione per Mileno Frediani (Montecatini Marathon) e terzo Nicola D’Onofrio (Bikeoftime). Vittoria pistoiese nella gara della categoria veterani argento, dove si impone Riccardo Spinelli (Silvano Fedi Pistoia) in 2h20’29’’, davanti a Nadir Valli (Gruppo Podistico Arci Goodwin) e al compagno di squadra Moreno Sbaragli.

LA CLASSIFICA COMPLETA (clicca qui)

Nella categoria assolute donne si aggiudica la gara la pistoiese Meri Mucci, che difende i colori della formazione della Orecchiella Garfagnana, in 2h22’44’’, con un vantaggio di 2’49’’ su Elisabetta Caporali (Silvano Fedi Pistoia) e di 16’09’’ su Chiara Innocenti (Primo Pizza e Bike), quarto posto per Valentina Cordone (Avis Zero Positivo Rignano) e quinta Stella Pacini (Primo Pizzo e Bike). La sestese Serena Sassolini (Ausonia Rinascita) termina la gara in 2h38’56’’ e ottiene il primo posto tra le donne veterane, seguita nell’ordine da Sandra Bartoli (La Galla Pontedera Atletica) e Patrizia Albertini (Team Mud e Snow). Nella classifica per società trionfa la Silvano Fedi Pistoia con 35 iscritti, seconde a parimerito Gs Primo e pizza Bike, Podistica Quarrata, Berzantina con 6 iscritti, poi il Gp Massa e Cozzile (4)

Commento a cura di Giancarlo Ignudi